FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

#salviamoElisa, il padre della bambina: "La mobilitazione continui"

Nonostante nel Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo siano stati individuati due possibili donatori e una terza eventuale opzione, il padre resta cauto: "La generosa corsa degli italiani non si interrompa"

"Speriamo di avere trovato la strada giusta, ma la mobilitazione continui per Elisa e per tutti i malati di leucemia". Queste le parole di Fabio, il padre della bambina di tre anni che rischia la vita per una leucemia infantile. Nonostante siano stati individuati due possibili donatori e una terza eventuale opzione, il padre resta cauto: "La leucemia che ha colpito Elisa ha una possibilità di recidiva del 50% e il donatore ideale non è ancora stato identificato. Per questo è fondamentale che la generosa corsa degli italiani non si interrompa. Maggiori sono gli aspiranti donatori, più grandi saranno le possibilità di individuare colui o colei che corrisponde al 100% alle necessità della nostra bambina."

L’uomo - che aveva lanciato un appello online, attraverso il profilo Facebook "Salviamo Elisa" - ha voluto "ringraziare tutti gli abitanti di questa splendida nazione, gli organi di stampa e prima di tutti il Bambino Gesu di Roma (dov’è ricoverata la piccola, ndr) e l'Admo (Associazione Donatori di Midollo Osseo)". "Da ogni angolo della Penisola - ha aggiunto - ci stanno giungendo immagini di persone che hanno appena fatto il prelievo per iscriversi al registro nazionale: siete tutti commoventi e vi portiamo nel cuore. Elisa ha ancora bisogno di voi e con lei tutti i malati di leucemia e mieloma".

Per Elisa si sono già attivati tanti personaggi dello spettacolo - da Fiorello ad Anastacia - che hanno a loro volta invitato i rispettivi fan a recarsi nei centri specializzati per la tipizzazione. "Le condizioni cliniche della bimba, attualmente in trattamento farmacologico, sono stabili e non richiedono un trapianto di cellule staminali emopoietiche in condizioni di urgenza. Come previsto dai protocolli clinici, in questo intervallo di tempo si è già proceduto a ricercare dei potenziali donatori", precisano dal Centro Nazionale Trapianti assieme al Registro IBMDR (Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo), d'intesa con le associazioni Admo e Adoces (Associazione Donatori Midollo Osseo e Ricerca Chiara Bandiera) e con l’ospedale Bambino Gesù, dove i centralini sono presi d'assalto da chi si offre come donatore.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali