FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Vigilante ucciso, la mamma di uno dei tre minorenni: "Non mi vedrà mai più"

Uno dei tre killer doveva partire per andare a lavorare in Germania giovedì, un altro doveva cominciare a fare il panettiere e il terzo aspettava un contratto con una squadra di calcio

Uno dei tre minorenni di Napoli che hanno ucciso a colpi di bastone un vigilante aveva già il biglietto aereo per andare in Germania a lavorare, l'altro aveva detto alla zia, con cui viveva, che voleva andare a fare il panettiere e il terzo sognava di giocare a calcio. La mamma di uno di loro dice: "Mio figlio non mi vedrà mai più", gli altri genitori non riescono a credere che quei ragazzi abbiano potuto arrivare a tanto.

Alla giornalista di "Repubblica", andata a casa di uno degli adolescenti, la mamma mostra il ticket comprato per volare in Germania: doveva andarsene giovedì. E racconta: "Non ci volevo credere che lui ha fatto una cosa così assurda. Ma adesso deve pagare per il suo reato. Non ha voluto studiare, mandarlo in Germania era l'unico modo per salvarlo". Il fratello gemello: "Non si confidava. Lui usciva con gli amici, io stavo solo con la mia fidanzata".

Gli altri due, scrive sempre "Repubblica", sono figli di genitori separati. Sembra che il più piccolo sia quello che avrebbe ideato il piano. E' lui che vive con la zia che, racconta, "gli ho comprato almeno un paio di iPhone, tutti distrutti. La mattina dormiva, la sera usciva". Poi la donna comincia a insistere: "Devi andare a lavorare. E pareva convinto, aveva deciso di fare il panettiere".

Infine, l'ultimo adolescente del trio che ha massacrato Francesco Della Corte, alla stazione della metro di Piscinola: il padre, che fa l'imbianchino, era arrivato in questura alle 6 del mattino direttamente dal cantiere dove stava lavorando e non voleva crederci che suo figlio fosse arrivato a uccidere un uomo. Un ragazzo che era bravo con il pallone. Giocava nei "Brothers" di Chiaiano, che cresce atleti promettenti. I familiari dicono che stava per avere un contratto con una squadra di serie B. Sul suo profilo Facebook però c'erano post decisamente aggressivi. In uno il giovane esalta Totò Riina: "Certe cose prima si fanno e poi si dicono. R.I.P. Zio Totò". Poi scrive che "un leone non si preoccupa del parere delle pecore" e ancora "Se non giochi col fuoco morirai di freddo". Sembra però che proprio lui fosse il meno aggressivo dei tre, a sentire gli inquirenti: quello che guardava, mentre gli altri due uccidevano quell'uomo.

Vigilante ucciso, il figlio: "Anche i genitori sono complici" - Il figlio della vittima, Giuseppe, di 25 anni, lancia pesanti accuse alle famiglie: "Sono complici degli assassini sia quelli che esprimono sui social solidarietà con i minori, sia i genitori, che li hanno lasciati andare in giro alle 3 di notte aggredendo un uomo che faceva il suo lavoro". E continua: "Vogliamo giustizia fino in fondo. Devono marcire in galera".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali