FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Catania, mamma 20enne uccisa a coltellate in auto: confessa lʼex convivente

Lʼuomo, che era stato denunciato per stalking dalla vittima, è stato fermato a Milano mentre stava cercando di fuggire allʼestero. I due avevano un contenzioso aperto in sede civile per lʼaffido esclusivo della loro figlia di 4 anni

Catania, mamma 20enne uccisa a coltellate in auto: confessa l'ex convivente

Una 20enne, Giordana Di Stefano, è stata uccisa a coltellate nella sua auto a Nicolosi, nel Catanese. Per l'omicidio è stato fermato l'ex convivente di 24 anni, Luca Priolo. L'uomo, bloccato in stazione a Milano mentre stava cercando di fuggire all'estero in treno, ha confessato. Nel 2013 la giovane mamma aveva denunciato l'ex per stalking. Oggi si sarebbe dovuta svolgere l'udienza preliminare ma era stata rinviata.

Catania, mamma 20enne uccisa a coltellate in auto: confessa l'ex convivente

La giovane è stata assassinata con diversi colpi di arma da taglio alla gola, al torace e all'addome. Il corpo è stato trovato nella sua Audi A2 in una strada di campagna nella periferia di Nicolosi. Nei confronti di Luca Pirolo, che era fuggito con l'auto della madre, una Fiat Punto, è stato emesso un fermo per omicidio volontario aggravato.

La denuncia per stalking era stata presentata il 3 ottobre 2013, ma a quell'episodio non erano più seguite altre segnalazioni. Nell'esposto la 20enne, che lascia una bimba di quattro anni, segnalava di avere ricevuto messaggi assillanti e degli appostamenti. Il procedimento è stato regolarmente incardinato dalla Procura di Catania che ha chiesto il rinvio a giudizio del 24enne. La prima udienza si sarebbe dovuta tenere mercoledì mattina, ma è stata rinviata perché l'avvocato dell'ex compagno ha chiesto il ricorso a riti alternativi ipotizzando anche una bonaria risoluzione. La 20enne non aveva nominato un avvocato.

Perché la vittima denunciò l'ex - Il procedimento per stalking era stato avviato dopo che il giovane era entrato da una finestra a casa di Giordana di Stefano, nel 2013. Lui si era difeso sostenendo di essere entrato perché aveva visto un auto sospetta fuori e voleva garantire la loro sicurezza.

Il contenzioso per l'affido della figlia -
La ventenne uccisa a Nicolosi e il suo ex convivente avevano un contenzioso aperto in sede civile per l'affido esclusivo della loro figlia di quattro anni. La giovane aveva presentato la richiesta e il ventiquattrenne si era detto pronto ad accettare l'accordo se lei avesse ritirato la denuncia per stalking. Secondo fonti legali, lui avrebbe voluto lavorare come guardia giurata e aveva bisogno di chiudere il fascicolo penale per potere ottenere il porto d'armi.

Gli amici: "Lui era geloso, ma non violento" -
"Lui era geloso, ma non violento. Lei non aveva paura di lui e non riusciamo a credere che sia stato lui". Così alcune amiche di Giordana Di Stefano ricordano, davanti alla caserma dei carabinieri di Nicolosi, la ventenne uccisa e il suo ex convivente. "Lui in passato era stato denunciato da Giordana - ricordano Ester e Iole - ma perché non sin rassegnava alla fine della loro storia. La seguiva continuamente. Ultimamente si erano riavvicinati ma la loro era una storia contrastata: si lasciavano e si rimettevano insieme spesso, fino a quando lei non ha voluto più".

"Non ci credo che possa essere stato Luca - aggiunge un amico del 24enne, Igor Licari - lui voleva tornare con lei, le voleva bene. Ho provato a chiamarlo al cellulare ma è spento da tempo. Aveva comprato una Sim statunitense perché voleva andare a lavorare a New York".

"Sono stato io" - "Sì, sono stato io...". Così Priolo ha confessato ai carabinieri di Milano di aver ucciso la sua ex convivente. Il giovane ha reso dichiarazioni spontanee. E' stato emesso un provvedimento di fermo per omicidio volontario aggravato. La convalida si terrà a Milano per rogatoria.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali