FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Cagliari, maltrattavano pazienti di casa di cura: sospesi 14 operatori

A far partire le indagini, avviate nel 2014, è stato lʼesposto di un dipendente

Cagliari, maltrattavano pazienti di casa di cura: sospesi 14 operatori

Maltrattamenti, percosse, lesioni personali, omissione di referto nei confronti degli ospiti affetti da gravi e croniche forme di disabilità psicofisica. Sono queste le accuse contestate a 14 operatori della casa di cura "Aias" di Decimomannu (Cagliari), ai quali sono state notificate misure cautelari di sospensione dal pubblico servizio per sei mesi. A far partire le indagini è stato l'esposto di un dipendente.

Secondo quanto emerso dalle indagini dei militari, iniziate nel 2014, i 14 operatori avrebbero maltrattato alcuni ospiti, tutti adulti, della struttura sanitaria dove si trovano a causa delle loro condizioni psicofisiche.

Tra gli indagati anche il direttore e la responsabile della struttura - Nell'ambito dell'indagine sui maltrattamenti nel centro Aias c'è anche il direttore amministrativo Vittorio Randazzo, 46 anni, ex consigliere regionale dell'Udc coinvolto nell'inchiesta sull'uso illecito dei fondi ai gruppi del Consiglio regionale della Sardegna. E' accusato, con la responsabile della struttura Sandra Murgia, 58 anni, di omissione di atti d'ufficio e omissione di referto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali