FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Rigopiano, parla uno dei superstiti: "Salvato e poi abbandonato"

Giampaolo Matrone rimase per 62 ore sepolto sotto metri di neve e macerie e in quel disastro perse la moglie

Rigopiano, parla uno dei superstiti: "Salvato e poi abbandonato"

"Cosa mi hanno tirato fuori a fare da sotto le macerie per poi abbandonarmi, a livello di istituzioni, abbandonarmi così con una bambina, una mano e una gamba fuoriuso". Sono queste le parole di sconforto di Giampaolo Matrone, rimasto per 62 ore sepolto sotto metri di neve e macerie all'hotel Rigopiano, travolto e distrutto da una valanga. Morirono in 29, inclusa Valentina, sua moglie. Lui fu l'ultimo dei nove sopravvissuti ae essere estratto vivo. Da allora si sottopone a lunghe e dolorose sedute di fisioterapia che ora, dopo l'ultimo controllo della Asl, potrebbero essergli negate.

Non si guarda indietro, Matrone, non può e non vuole piangersi addosso. L'unica sua preoccupazione oggi è garantire un futuro sereno a Gaia, la figlia di sei anni, insieme al ricordo indelebile della tragedia e del torto subito: "Ci sono 29 vittime che aspettano giustizia. Qui ancora non si sa nulla. Io volevo andare via da quell'albergo e invece ci hanno tenuti lì ad aspettare la morte... Questo abbiamo fatto, abbiamo aspettato la morte".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali