FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Torino, registrato allʼanagrafe il figlio di due madri: è la prima volta in Italia

Si tratta del bambino di Chiara Foglietta, vicecapogruppo Pd in consiglio comunale a Torino, e della sua compagna Micaela Ghisleni. Il sindaco Appendino: "Abbiamo scritto un pezzo di storia"

L'anagrafe di Torino ha registrato il figlio italiano di due mamme, accogliendo la richiesta inizialmente respinta. E' il primo riconoscimento alla nascita del bimbo di una coppia omogenitoriale. Dopo aver annunciato l'intenzione di conferire pari diritti anche "forzando la mano", il sindaco Appendino ha firmato l'atto che riconosce Niccolò Pietro come figlio di Chiara Foglietta, vicecapogruppo Pd in consiglio comunale, e di Micaela Ghisleni.

"Abbiamo aperto una strada importante per tutte le coppie che si trovano nella nostra stessa situazione, abbiamo dato coraggio a quelle donne che non hanno più intenzione di dichiarare il falso", ha commentato su Facebook Chiara Foglietta. "Oggi non si è solo scritto un atto. Un nome su un foglio. Si è scritta una pagina importante della nostra storia".

Appendino: "Scritto un pezzo di storia" - "Speriamo di aver generato, anche con il supporto del Coordinamento Torino Pride, l'avvio di un percorso che adegui l'attuale sistema normativo all'evolvere della società civile - ha detto il sindaco, Chiara Appendino. Abbiamo contribuito a scrivere un pezzo di storia. E' una di quelle giornate per cui vale davvero la pena ogni goccia di energia spesa per fare politica".

Registrati anche altri due bimbi - Insieme alla consigliera Foglietta e alla sua compagna, all'anagrafe di Torino c'erano altre due coppie, due papà e due mamme, per le quali è stato trascritto l'atto di nascita dei figli, nei loro casi nati all'estero. "L'atto di metter mano al registro delle nascite da parte del sindaco - ha detto Marco Giusta, assessore comunale alle Famiglie - è stato un gesto di libertà e gioia. Finalmente ai loro figli è stato riconosciuto il diritto ad avere una famiglia".

L'assessore Giusta: "Presa di posizione coraggiosa" - "Oggi è stata una giornata emozionante - ha aggiunto - piena di sorrisi e lacrime e di consapevolezza di come le parole forgiano la storia. Sono davvero grato alla sindaca per questa decisa e coraggiosa presa di posizione, al lavoro incomparabile dell'assessora Pisano (con delega all'Anagrafe, ndr) e alla perfetta azione degli uffici che ci hanno permesso di registrare i figli e le figlie di tre coppie omogenitoriali. E ringrazio ovviamente le associazioni, a partire dal Coordinamento Torino Pride e chi ha messo a disposizione le proprie competenze per arrivare a questo risultato".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali