FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Il sindaco spegne il wi-fi nelle scuole: "Sul web dicono faccia male"

Polemiche a Borgofranco dʼIvrea, nel Torinese, dopo che Livio Tola ha deciso di bandire il wireless alle elementari e alle medie

Il sindaco spegne il wi-fi nelle scuole: "Sul web dicono faccia male"

Niente wi-fi alle scuole elementari e medie di Borgofranco d'Ivrea, paese del Torinese non lontano da quella che fu un po' la Silicon Valley italiana, ossia la sede della Olivetti. "Abbiamo letto molte cose sul web, non siamo in grado di dire con certezza se le onde elettromagnetiche siano dannose oppure no. E' una scelta precauzionale". Così il sindaco Livio Tola, eletto in una lista civica, motiva la decisione. E divampano le polemiche.

Il primo cittadino non è certo il primo a nutrire dubbi sulle possibili conseguenze sulla nostra salute di wi-fi e simili. Ma dai banchi della minoranza piovono comunque molte critiche: "Se siete convinti della pericolosità siate coerenti: se bandite il wi-fi allora va pure fatto rispettare il regolamento che vieta l'uso dei telefonini", dichiara il capogruppo di minoranza Alex Tua.

"Non è un passo indietro" - Dal canto suo il sindaco, confermando la forma precauzionale della decisione, afferma come il divieto non comporti alcun passo indietro dal punto di vista tecnologico. "Non priviamo gli studenti della possibilità di connettersi. L'accesso a Internet sarà garantito nei laboratori e nelle aule".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali