FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Neomamme italiane le più vecchie dʼEuropa: primo figlio dopo i 30 anni

Nel Vecchio continente lʼetà media è di 28,8 anni, e le più giovani sono le bulgare. Nel Belpaese cala anche il numero di nascite, che invece in Europa aumentano

Neomamme italiane le più vecchie d'Europa: primo figlio dopo i 30 anni

Tra gli Stati del Vecchio Continente l'Italia è quello con le mamme più vecchie. Secondo l'Eurostat, infatti, nel 2014 l'età media delle donne italiane che hanno partorito il primo figlio è 30,7 anni. La media europea è 28,8. Per quanto riguarda il numero delle nascite in Europa nel 2014, si è registrato un lieve aumento rispetto al 2001 (da 5.062.948 sono salite a 5.131.500). In Italia invece c'è stato un calo da 535.282 a 502.596.

Cali delle nascite si sono registrati anche in Portogallo (-27%), Olanda (-13,5%), Danimarca (-13,1%) e Romania (-12,4%). Gli aumenti più sensibili sono invece stati in Svezia (+25,6%), Repubblica Ceca e Slovenia (+21,1%), Irlanda (+16,3%) e Regno Unito (+16%).

Per quanto riguarda le età alla nascita del primo figlio, le spagnole si avvicinano alle italiane diventando mamme per la prima volta a 30,6 anni, le lussemburghesi a 30,2 e le greche a 30. Ma nel resto d'Europa le neomamme hanno meno di 30 anni: le più giovani sono in Bulgaria (25,8), Romania (26,1), Lettonia (26,3), Estonia (26,6), Polonia (26,9), Lituania e Slovacchia (27).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali