FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Napoli, anziana chiama il 113 fingendo una rapina in casa: "Mi sentivo sola"

Arrivati nellʼabitazione, gli agenti hanno trovato tutto in ordine e lei, dopo aver tentato una spiegazione, ha ammesso di essersi inventata tutto

Napoli, anziana chiama il 113 fingendo una rapina in casa: "Mi sentivo sola"

Sola in casa da tempo, una ultranovantenne ha chiamato il 113 inventandosi una rapina nell'abitazione pur di avere un po' di compagnia, quella di qualche poliziotto. L'incredibile storia è accaduta a Napoli, nel quartiere di San Carlo all'Arena, dove una pattuglia è arrivata di tutta fretta dopo l'allarme.

Chi ha chiamato il 113, si legge sulla "Stampa", parlava di una rapina in casa di una donna anziana, che era stata legata dai malviventi. Ma all'arrivo all'indirizzo indicato era tutto in ordine: nessun segno di violenza e l'anziana che, in apparenza, stava bene.

La donna ha provato a spiegare "Erano in tre e hanno preso i soldi", ma poi ha subito ammesso: "Perdonatemi, è che sono sola, non esco di casa da un mese. Non ho nessuno e non mi posso permettere una badante", fino alla richiesta esplicita: "Non mi portereste a fare un giretto?".

Gli agenti a questo punto si sono inteneriti e l'hanno accompagnata al bar per offrirle un cappuccino. Ma prima di riportarla a casa l'hanno condotta in chiesa e affidata al parroco dicendogli: "Padre, questa donna non può restare sola". Ed ecco l'aiuto del prete, che ha assicurato una persona che si prenderà cura di lei. Per una vera e propria "favola metropolitana" a lieto fine.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali