FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Milano, ferirono ferroviere con un machete: tre condanne

La vittima rischiò di perdere un braccio lo scorso giugno: comminate pene fino a 16 anni di carcere. Lo ha deciso il gup di Milano Ferraro

Milano, ferirono ferroviere con un machete: tre condanne

I tre giovani sudamericani che hanno preso parte all'aggressione nei confronti di due ferrovieri, uno dei quali venne colpito con il machete e rischiò di perdere un braccio lo scorso giugno a Milano, sono stati condannati a pene fino a 16 anni di carcere. Lo ha deciso il gup di Milano Alfonsa Ferraro, che ha assolto invece altri tre giovani imputati, uno dei quali era stato arrestato assieme agli altri tre condannati.

La pena più alta è stata disposta Jackson Jahir Lopez Trivinio, detto "Peligro", condannato dal gup Alfonsa Ferraro a 16 anni (contro i 12 anni e otto mesi chiesti per lui dal pm Lucia Minutella) perché avrebbe picchiato il capotreno Magagnin accorso nel tentativo di difendere il collega Di Napoli.

L'esecutore materiale dell'aggressione, il salvadoregno José Ernesto Rosa Martinez, autore del colpo di machete che aveva quasi amputato il braccio sinistro al capotreno Di Napoli, è stato invece condannato a 14 anni. Pari a 11 anni e quattro mesi la pena disposta per Andres Antonio Lopez Barraza, soprannominato "Pajaro Loco". I tre erano stati tutti arrestati insieme ad Alexis Ernesto Garcia Rojas, detto "Cigarrito".

Quest'ultimo, difeso dall'avvocato Robert Ranieli, è stato assolto "per non aver commesso il fatto" nonostante la richiesta del pm di condannarlo a 11 anni e quattro mesi. Assoluzione anche per gli altri due affiliati della gang che non erano finiti in carcere ma erano stati indagati a piede libero.

Il gup Ferraro, titolare del procedimento che si è celebrato con rito abbreviato (e che, in quanto tale, prevede lo sconto di un terzo della pena) ha infine disposto un risarcimento, a titolo di provvisionale, di 50mila euro a favore del capotreno Di Napoli e di 20mila per il suo collega Magagnin.

Di Napoli: pene giuste - "Riteniamo giuste queste pene". Questo il commento di Carlo Di Napoli, il capotreno di Trenord aggredito a colpi di machete l'11 giugno scorso alla stazione del passante ferroviario milanese di Villapizzone. "Voglio vedere le motivazioni per capire", ha detto al momento della lettura del verdetto. "Il braccio va meglio - ha chiarito Di Napoli - il gomito sta recuperando, mentre la mano è sempre un po' dolorante".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali