FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

> Tgcom24 > Cronaca > Lombardia > Varese, picchiati in discoteca perché gay
18.3.2012

Varese, picchiati in discoteca perché gay

Denuncia dell'Arcigay. Le vittime sono sette giovani. Sarebbero stati aggrediti dalla security del locale

foto Dal Web
20:51 - Insultati e picchiati in una discoteca dalla security perché omosessuali. E' accaduto, denuncia l'Arcigay, a sette giovani, tra i quali Marco Coppola, presidente provinciale di Arcigay Verbania, in una discoteca di Luino (Varese). Sul caso la parlamentare del Pd Paola Concia presenterà un'interrogazione ai ministri del Lavoro e dell'Interno, Elsa Fornero e Annamaria Cancellieri.
Tra le vittime dell'aggressione c'è anche Marco Coppola, presidente provinciale di Arcigay Verbania e componente della segreteria nazionale dell'associazione. "I ragazzi stavano solo ballando su un cubo tra di loro - denuncia l'Associazione - quando, 'identificati' come omosessuali, sono stati costretti a scendere, insultati, brutalmente pestati e infine allontanati dal locale".

Della vicenda si stanno occupando i carabinieri di Luino che hanno già raccolto alcune testimonianze, dalle quali emergerebbero, però, due versioni contrastanti. I responsabili della security, infatti, riconducono il tutto a una rissa come ne accadono nei locali pubblici: avrebbero allontanato i giovani dal locale a causa di alcuni comportamenti molesti e che, per questo, sarebbe scoppiata una lite all'esterno della discoteca. Sia i buttafuori sia i clienti omosessuali hanno riportato lievi lesioni, ma non da richiedere le cure mediche.

In attesa che l'episodio sia chiarito si sono scatenate le reazioni. "Questo episodio segna davvero un limite insopportabile", ha commentato Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay: "A Marco Coppola e agli altri ragazzi la mia solidarietà, carica di rabbia per la brutalità ingiustificabile e l'odio subito - ha continuato - e per una battaglia che si infrange sempre su un muro di scandaloso silenzio ideologico".

La parlamentare del Pd Paola Concia, da parte sua, presentera' un'interrogazione ai ministri del Lavoro e dell' Interno, Elsa Fornero e Annamaria Cancellieri: "Mentre si è consumato l'ennesimo inaccettabile atto di omofobia nei confronti di sette ragazzi colpevoli solo di divertirsi in una discoteca, il contrasto alla violenza omofoba e transfobica sembra proprio non avere spazio nell'agenda del Governo Monti", afferma la parlamentare.

Questo proprio nel giorno in cui la stessa Fornero commenta la sentenza della Suprema corte sulle coppie di fatto: "Non posso che dire che la Corte di Cassazione ha affermato un principio di pari opportunità vero", ha detto il ministro: "Rispetto tutte le sentenze e anche questa. Per mia formazione sono un po' tradizionalista. Come ministro devo affermare che le Pari opportunità sono in capo alle persone indipendentemente dalle loro preferenze in materia di espressione sessuale, politica, oppure per ragioni di colore".

"I casi di omofobia in tutta Italia sono in aumento", commenta, infine, Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, secondo il quale, "stando ai dati di Gay Help Line 800.713.713, il numero verde e servizio contro l'omofobia, negli ultimi mesi abbiamo rilevato un aumento dei contatti, circa duemila da tutta Italia, e delle segnalazioni che riguardano in particolar modo violenza e abusi nel 38% dei casi e discriminazioni sul lavoro nel 25% delle denunce".
OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile