FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Roma, trova tre miliardi di lire in banca ma non può più cambiarli in euro

Secondo la legge è fuori tempo massimo. Il "tesoretto" era nascosto in una cassetta di sicurezza in Svizzera

Avrebbe potuto diventare milionario (in euro) e invece si ritrova con una valigia piena di miliardi di lire che sono, per la legge, carta straccia. E' quanto accaduto a Luigi C., bancario romano, che a luglio 2017 alla morte del nonno ha ereditato tutti gli averi dell'anziano parente. Compresa una cassetta di sicurezza in Svizzera che conteneva il tesoretto. Peccato che i termini di conversione in euro siano scaduti. Ma lui non si arrende e fa causa.

Luigi conosce bene quella legge essendo lui stesso un bancario. Per lo Stato la conversione tra lira ed euro si poteva effettuare entro il primo decennio dall'netrata in vigore della moneta unica. Quindi il limite era entro il 2012. Ma andiamo indietro nel tempo per capire come si è arrivati a questa situazione kafkiana.

Il signor Luigi è figlio unico, ma senza genitori. Unico parente rimasto era un nonno che da decenni viveva in Svizzera. L'anziano signore era stato un discreto imprenditore immobiliare degli anni del boom edilizio. E la sua fortuna, la cui provenienza non è stata verificata, se l'è portata dietro quando ha lasciato la madrepatria. A luglio il nonno muore e Luigi scopre di essere erede unico. E tra le varie eredità c'è anche una misteriosa cassetta di sicurezza presso la Ubs di Lugano.

Possiamo solo immaginare la sorpresa, dolce, quando Luigi ha aperto la cassetta e si è ritrovato tre miliardi di lire in pezzi da 500mila. Ma il passo verso l'amarezza è stato breve. Lo sapeva, ma ha provato ugualmente a richiedere il cambio a Bankitalia che ovviamente ha risposto con un secco no: fuori tempo massimo.

E qui entrano in gioco i legali, per l'estremo tentativo di Luigi per evitare di vedersi sfumare davanti agli occhi quel milione e mezzo di euro. Gli avvocati, prendendo spunto da situazioni già affrontate in passato, cercheranno di dimostrare che i famosi 10 anni di moratoria previsti dalla legge vanno conteggiati non dall'entrata in vigore dell'euro quanto dal momento in cui si viene a scoprire l'esistenza delle lire che si vogliono convertire. Un percorso difficile, quasi impossibile. Ma se riesce, il signor Luigi potrà godersi quel tesoro che il nonno incredibilmente gli ha tenuto nascosto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali