FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Il caso di Luca Traini raccontato in un minuto

Quarto Grado Files ripercorre la vicenda della sparatoria avvenuta a Macerata ai danni della comunità di immigrati

Prosegue la rassegna dei più importanti fatti di cronaca riassunti da Quarto Grado Files, la video-rubrica legata al programma televisivo condotto da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero. In questa clip si ripercorre il caso di Luca Traini: sabato 3 febbraio l'uomo, 28 anni di Tolentino, sta guidando nella sua auto per andare ad allenarsi in palestra. Alla radio si parla dell'arresto di Innocent Oseghale, accusato dell'omicidio di Pamela Mastropietro, il cui corpo è stato ritrovato in due trolley solo il giorno prima. Luca Traini cambia strada: torna a casa sua e prende una pistola.

L'uomo si dirige poi verso Macerata: una volta arrivato in città inzia a sparare contro un gruppo di immigrati, ferendone almeno sei. Le forze dell'ordine lo inseguono e lo arrestono sulle scale del Monumento ai Caduti con indosso il tricolore. Traini è arrestato e portato in una cella di isolamento nel carcere di Montacuto, lo stesso istituto di detenzione del presunto omicidia di Pamela Mastropietro. Per lui l'accusa di strage aggravata dal razzismo: in casa dell'uomo sono stati trovati oggetti e libri nazisti, tra cui una copia del Mein Kampf.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali