FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

DellʼUtri, il tribunale respinge richiesta di sospensione pena

Lʼex senatore dopo la decisione del tribunale ha annunciato lo sciopero della fame e delle cure

Il tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto la richiesta di sospensione della pena presentata dai legali dell'ex senatore Marcello Dell'Utri che sta scontando una condanna a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Gli avvocati avevano motivato la richiesta sulla base delle cattive condizioni di salute del detenuto.

I periti del tribunale di sorveglianza si sono pronunciati per la compatibilità, avendo ritenuto stabile la cardiopatia, di cui soffre da tempo Dell'Utri, e operabile il tumore alla prostata. Per l'incompatibilità, invece, si sono espressi i consulenti della Procura generale. Per questo erano state suggerite 5 strutture sanitarie (tre a Milano e due a Roma) dove l'ex parlamentare avrebbe potuto esser trasferito in regime di arresti ospedalieri.

Dell'Utri annuncia lo sciopero della fame e delle cure - Dell'Utri, dopo la decisione del Tribunale di sorveglianza, ha annunciato, tramite i suoi legali, lo sciopero della fame e delle cure. "Preso atto della decisione del Tribunale che decide di lasciarmi morire in carcere - ha riferito agli avvocati De Federici e Filippi - ho deciso di farlo di mia volontà adottando da oggi lo sciopero della terapia e del vitto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali