FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

> Tgcom24 > Cronaca > Benedetto XVI: "Mi dimetto, non ho più la forza"Sulla decisione l'ombra di scandali e malattia
12.2.2013

Benedetto XVI: "Mi dimetto, non ho più la forza"
Sulla decisione l'ombra di scandali e malattia

Accanto alla vecchiaia, a fiaccare l'animo del Sommo Pontefice anche la salute, lo scandalo Vatileaks e l'ultima rivolta dei cardinali

11:22 - Il pontificato di Benedetto XVI si è svolto in uno tra i periodi più turbolenti per la Chiesa cattolica. La “discesa dalla croce”, come l’ha polemicamente definita il Cardinal Dziwisz, è stata motivata dall’avanzare dell’età e dal peggioramento delle condizioni fisiche di un uomo nato, è bene ricordarlo, nel lontano 1927. “Non sono più sicuro delle mie forze nell’esercizio del ministero petrino” ha detto il Pontefice uscente, ma è possibile che accanto alla perdita di forze della vecchiaia, ci siano altre motivazioni che giustifichino quello che il Decano della Curia ha definito come un “fulmine a ciel sereno”?

Vatileaks e il rapporto shock - Nel corso del 2012, il Vaticano è stato scosso dalle fondamenta dallo scandalo Vatileaks. Da Piazza San Pietro parte una fuga di notizie senza precedenti in cui vengono a galla i segreti dell’amministrazione corrente del Palazzo pontificio. Il cosiddetto "Corvo", il responsabile di questa messa in piazza degli affari della Santa Sede, viene identificato in Paolo Gabriele, il maggiordomo del Pontefice, che viene processato e condannato a settembre 2012 e perdonato dal Papa in persona tre mesi dopo. Lo scandalo ha molto colpito Benedetto  XVI, al punto che, secondo voci bene informate, il Pontefice avrebbe cominciato a maturare la decisione di dimettersi proprio in concomitanza con l'esplosione del caso. Ma il Corriere della Sera aggiunge qualcosa in più: si parla di un presunto rapporto che circolava in Vaticano e che tre cardinali anziani hanno consegnato nei mesi scorsi al Pontefice che sarebbe rimasto sconvolto da quanto trovato in quelle pagine.  

Sospette malattie alle ossa - Pochi minuti dopo l’annuncio, tra le redazioni, si sparge la voce che le dimissioni siano state motivate da una misteriosa malattia alle ossa. La diceria si fa più specifica, parlando apertamente di una forma particolarmente grave di artrite. Padre Lombardi, in conferenza stampa, ha smentito fermamente questa ipotesi, ribadendo quanto detto dal Pontefice nel discorso che ha chiuso il Concistoro sulla canonizzazione dei Martiri di Otranto.

Il pacemaker sostituito in gran segreto? - Dalle pagine del Sole 24 Ore si paventa invece l'ipotesi di un'operazione chirurgica che il Papa ha subito in gran segreto tre mesi fa. Secondo il quotidiano alla clinica Pio XI Ratzinger è stato ricoverato per poche ore tant'è vero che non ha mai saltato un Angelus domenicale in quel periodo.

Scandalo pedofilia - Già prima di "Vatileaks", le energie di Benedetto XVI sono state consumate da diversi casi che hanno complicato la vita della Chiesa e la sua immagine presso l'opinione pubblica mondiale. Su tutti, quello degli abusi sessuali su minori, uno scandalo che perseguita la Chiesa nel mondo anglosassone da molto tempo. Già da cardinale Ratzinger se ne era occupato, ma quanto successo in Irlanda sotto il suo pontificato può aver influito sul morale del Papa con alcune vittime di abusi si erano addirittura appellate alla Corte penale internazionale. La tensione tra Dublino e il Vaticano arrivò al punto che l’Irlanda, paese di chiara tradizione cattolica, chiuse, nel 2011, la propria ambasciata presso la Santa Sede.

Finanza vaticana - Anche dalla finanza sono venute ombre sul governo pontificio. E’ il 2010. La Procura di Roma, su indicazione della Banca d’Italia, mette sotto sequestro 23 milioni di euro depositati presso un conto del Credito Artigiano. Il sequestro porta un profondo rinnovamento presso l’Istituto delle opere religiose che culmina con la nomina di Ettore Gotti Tedeschi, personalità di spicco della finanza di stampo cattolico. L’avventura del banchiere si chiude nel 2012, quando viene rimosso dal Vaticano per “scarsa trasparenza nella gestione dell’Istituto”.

L'ultima goccia: la rivolta dei cardinali - Tutto inizia a Los Angeles, la "città degli angeli" guarda la coincidenza. Lo scorso primo febbraio il nuovo arcivescovo Josè Gomez solleva da tutti gli incarichi il suo predecessore Roger Mahony per l'atteggiamento da lui tenuto (giudicato perlomeno morbido) nei confronti di 122 sacerdoti accusati di pedofilia e smascherati dalla pubblicazione di documenti che li incastrano. L'esautorazione, riporta Libero, avrebbe comportato la rivolta dei cardinali con tanto di confronto tra il cardinale Sodano e il pontefice nello studio di quest'ultimo. Il quotidiano si chiede se non sia questa dopo tutte le altre amarezze di cui sopra, la goccia che ha fatto traboccare il vaso e fatto propendere il Papa per la drammatica decisione di ieri.

OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile