FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Rapina in villa a Lanciano, il medico aggredito: "Non comprerò mai una pistola" | Sei precedenti, caccia alla banda

Carlo Martelli racconta le due ore passate, assieme alla moglie, in balia dei rapinatori: "Uno solo parlava, in perfetto italiano: erano vestiti bene e avevano belle scarpe"

"Ero convinto che ci avrebbero ammazzato tutti, ero certo che sarebbe successo il peggio. Ma io la pistola non me la compro lo stesso. Se ne avessi avuta una in casa, ci avrebbero ammazzato con quella". Così, Carlo Martelli, il chirurgo 69enne aggredito da quattro rapinatori nella sua villa di Lanciano (Chieti) insieme alla moglie, Niva Bazzan. "Parlava solo uno, in italiano perfetto. Erano vestiti bene e avevano belle scarpe", ha quindi raccontato.

"Mi sono svegliato con un cazzotto in faccia" - Nell'intervista rilasciata a "La Repubblica", Martelli racconta le due ore passate in balia dei rapinatori: "Mi sono svegliato con un cazzotto in faccia. E poi un'altra gragnuola di colpi: avevo visto che in casa c'era la luce accesa, ma pensavo che fosse mia moglie che doveva alzarsi presto per andare in gita a Roma. E invece mi sono ritrovato con un bandito che senza dirmi una parola mi massacrava di pugni".

"Diteci dov'è la cassaforte o vi facciamo a pezzetti" - "Hanno portato mia moglie in camera e ci hanno legato - continua a raccontare Martelli -. Io sono stato sbattuto a terra e poi legato mani e piedi, tipo incaprettatura. Nel frattempo anche mia moglie è stata legata. Ci ripetevano: diteci dov'è la cassaforte o vi facciamo a pezzettini. Io ho detto che non avevamo nessuna cassaforte, ma ogni parola era un pugno".

"Le hanno tagliato il lobo dell'orecchio davanti a me" - Dopo aver messo a soqquadro la casa per cercare la fantomatica cassaforte, i banditi se la sono presi con la moglie di Martelli. "Le hanno detto: ti diamo dieci minuti, se non ci porti alla cassaforte ti tagliamo l'orecchio - racconta il marito -. E lo hanno fatto, davanti a me. Poi però si sono convinti: hanno preso i bancomat e le carte di credito e sono usciti. Uno solo è rimasto con noi. Quando sono tornati, ci hanno lasciato il cellulare e la porta socchiusa, così siamo riusciti a dare l'allarme".

"Comprare una pistola? No, è lo Stato che deve difenderci" - Quanto alla possibilità di lasciare la villa di Lanciano, Martelli non sembra avere dubbi: "Quella è la nostra casa, l'abbiamo realizzata su misura per nostro figlio disabile, senza barriere architettoniche. Cercherò di renderla un po' più sicura. Ma io la pistola non me la compro. Averla significa essere disposti ad usarla e un cittadino normale non lo è. E' lo Stato che deve difenderci".

Altri sei casi - Per far luce sulla vicenda gli investigatori stanno partendo da sei casi precedenti di rapine cruente con pestaggi e mutilazioni avvenuti nel territorio Frentano e indagano su una banda specializzata in attacchi efferati.

Le condizioni della coppia dopo l'aggressione - Carlo Martelli è ricoverato in Chirurgia. Le condizioni cliniche sono migliorate stabilmente rispetto a domenica. La prognosi resta riservata perché sono necessari ulteriori accertamenti strumentali che saranno eseguiti nelle prossime ore, mirati a verificare soprattutto il danno alla colonna cervicale non scevro da rischi di complicanze.

Niva Bazzan è invece ricoverata in Unità coronarica per il monitoraggio di parametri vitali in considerazione del forte stress psicofisico subito. Al momento non sono emerse alterazioni di rilievo. Per quanto attiene al danno al padiglione auricolare, non è stato possibile procedere alla ricostruzione anatomica per la lesione lacera prodotta durante l’aggressione e per via del lembo in avanzata necrosi

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali