FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Come motivare i figli allo studio

Quattro consigli pratici per trasformare i compiti a casa in un (quasi) piacere

Come motivare i figli allo studio

Musi lunghi e lamentele: questo è l'approccio di molti ragazzi ai compiti e allo studio. Per uscire dal deprimente impasse e riportare la serenità in casa, è importante cercare di capirli esercitando la dote dell'empatia. Spesso i compiti a casa sono un supplizio e non si tratta solo di capricci e mancanza di forza di volontà. Ciò che difetta, infatti, è la motivazione allo studio. La buona notizia è che anche in famiglia si può fare molto per ribaltare (o migliorare) la situazione.

Parlare a carte scoperte - Nel rapporto genitori-figli, tenere aperto il dialogo è sempre la strada migliore da seguire. Se poi si tratta di adolescenti, questo consiglio vale il doppio. Anche per quanto riguarda la scuola, è bene parlarsi a viso aperto e far capire ai ragazzi che si è disponibili all'ascolto. Spesso, attraverso l'empatia, si possono già scoprire risvolti interessanti riguardo allo scarso profitto scolastico.

Dare un valore differente alle materie - Tra i libri più "odiosi" da aprire, per gli studenti, figurano matematica e latino. Far sbocciare l'amore per queste materie, non è semplice. Ma può diventare più facile se si cambia l'angolazione dalla quale si osserva l'equazione o la versione di latino. Perché ciò accada, è bene che si osservi l'approccio del ragazzo nei confronti di questo tipo di impegni scolastici e che si intervenga, stimolando nuovi punti di vista (non aiutandolo a fare i compiti) che incuriosiscano il giovane studente demotivato. La matematica, per esempio, è in realtà una materia dalle mille sfaccettature e ricca di creatività.

Attenzione all'ansia da prestazione - Quando si pretende il massimo dai figli, questi ultimi spesso tendono a fare il meno possibile. Se al contrario desiderano soddisfare le alte aspettative di mamma e papà, i ragazzi possono restare "vittime" di un'ansia poco sana per la loro età. Il primo lavoro da fare, in caso di scarsa motivazione allo studio, è su se stessi: i figli sono altro rispetto a mamma e papà. Ognuno di noi ha un'inclinazione, desideri e passioni che lo rendono unico. Prendere atto della diversità è il modo migliore per liberare i figli dalla morsa delle aspettative. I risultati, in termini di profitto e serenità, possono essere davvero sorprendenti.

Insegnanti, sempre autorevoli - Esistono, poi, quei casi specifici in cui i figli si sentono demotivati perché non riconoscono nei docenti figure autorevoli e interessanti, persone che siano in grado di insegnare loro qualcosa di importante. Su questo frangente, i genitori possono fare molto: riconoscere sempre autorevolezza agli insegnanti, schierandosi dalla loro parte e non denigrandoli davanti ai ragazzi, fa sì che questi ultimi si mostrino più rispettosi e motivati anche nei confronti dello studio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali