FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Resta paralizzato dopo unʼanestesia, risarcito con 1 milione e 800mila euro

Per colpa di un errore medico lʼuomo è cieco e paraplegico dal 2010

Resta paralizzato dopo un'anestesia, risarcito con 1 milione e 800mila euro

Risarcimento da record a una vittima di malasanità. L’Usl 4 del Veneto orientale dovrà corrispondere oltre un milione e 800mila euro a un 40enne diventato cieco e paraplegico nel 2010 per colpa di un errore medico. L’uomo, residente a Eraclea (Ve), si era risvegliato paralizzato e non vedente dopo un'iniezione di anestetico.

Un errore fatale - La vittima era stata trasportata in gravissime condizioni al pronto soccorso di San Donà (Ve) in seguito a un incidente stradale. Secondo quanto riporta il quotidiano La nuova Venezia, al paziente fu somministrato un potente narcotico, che gli causò un arresto respiratorio. Al suo risveglio, l’uomo non era più in grado di muoversi e aveva perso la vista.

Invalido a vita - A sette anni dai fatti, le condizioni dell’uomo restano gravi. Paralizzato e costretto a letto, non è più in grado di vedere i figli, la moglie, i parenti e gli amici. Una condizione altamente invalidante, che lo ha spinto a intentare una causa risarcitoria contro l’Unità sanitaria locale. La vertenza si è conclusa con l’accertamento del danno subito dal paziente. Un pronunciamento importante visto che, oltre a necessitare di assistenza continua, il malato deve sottoporsi a cure costose. Dopo aver vinto la battaglia legale, i familiari chiedono ora di poter ricevere al più presto l’importo stabilito dai giudici.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali