FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Milano, in carcere i "ladri sportivi": rubavano nelle palestre

Hanno portato via orologi di lusso, cellulari, carte di credito: un bottino dal valore di migliaia di euro

Sono entrati in una nota palestra del centro di Milano e hanno forzato le cassette di sicurezza davanti agli spogliatoi. In questo modo hanno portato via orologi di lusso, carte di credito, cellulari: un bottino da migliaia di euro. Sono finiti in carcere due italiani di etnia rom di 47 e 48 anni che vivevano in campi nomadi vicino a Torino. Un terzo complice è ancora in fuga. I due sono accusati di un furto, ma sono sospettati di aver commesso altri reati dello stesso tipo. 

Secondo le indagini, lo scorso 29 novembre hanno forzato tre cassette davanti agli spogliatoi di una nota palestra in piazza Cavour di Milano mentre i clienti erano impegnati negli allenamenti. In quell'occasione hanno portato via due Rolex del valore complessivo di 20 mila euro, un Audemars Piguet di 20 mila euro, un Seiko, portafogli con carte di credito e cellulari. Hanno agito in tre, ma il terzo complice non è stato ancora individuato.

Il gruppo era ben organizzato. Subito dopo aver forzato le cassette e preso il bottino da migliaia di euro, uno dei tre ha incollato la propria foto sulla carta d'identità della vittima. Poi con la carta di credito appena rubata il ladro è riuscito a comprare in un negozio di lusso in Galleria Cavour una borsa da 9mila euro, poi ha acquistato un Rolex da più di 8mila euro in una gioielleria e infine ha prelevato 250 euro da un bancomat.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali