FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Macerata, paese distrutto dal terremoto: nonna Peppina deve lasciare la casetta

La procura lʼaveva messa sotto sequestro perché manca lʼautorizzazione paesaggistica

A 95 anni suonati, rimasta senza tetto per il terremoto, Nonna Peppina dovrà lasciare la casetta di legno in cui vive a Fiastra, nel maceratese. La procura l'aveva messa sotto sequestro sabato scorso, perché manca l'autorizzazione paesaggistica e adesso ha respinto l'istanza presentata dalla famiglia che chiedeva di consentire comunque a Giuseppina Fattori di vivere lì. Lei non ne vuole sapere.

Nonna Peppina è determinata a restare "Da qui io non mi muovo!" dice. In quella frazione ha vissuto per oltre 70 anni con la sua famiglia e con forza e determinazione ha combattuto per non lasciare l'abitazione, donata dalle figlie, dove si era rifugiata dopo il terremoto dell'ottobre scorso che la burocrazia ha etichettato come abuso edilizio. L'abitazione è stata fatta sequestrare dalla magistratura perché priva delle autorizzazioni e realizzata in zona a rischio sismico.

Si ragiona su una richiesta di sospensiva al Tar e su una sanatoria, ma a metà dicembre sarebbe prevista la demolizione della casetta di Peppina e c'è poco tempo. Si ragiona anche sulla possibilità di un decreto legislativo che sani la situazione delle tante casette "fai da te" sorte dopo il terremoto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali