FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Morte Pamela, bloccati due nigeriani

Lʼuomo è stato preso in consegna dai carabinieri, che lʼhanno trasferito a Macerata. La Procura: "Nessun fermo"

I carabinieri hanno bloccato due nigeriani perché sospettati di coinvolgimento nell'omicidio di Pamela, la ragazza di 18 anni di Macerata il cui cadavere è stato trovato in due trolley. I risultati dell'autopsia, in particolare il modo in cui è stato sezionato il corpo, hanno portato i militari sulle tracce dei due: uno trovato a Macerata e l'altro bloccato nella Stazione Centrale di Milano mentre cercava di raggiungere la Svizzera.

Gli inquirenti, anche sulla base delle due autopsie eseguite, sono convinti che lo smembramento del cadavere non possa essere stato eseguito da una sola persona. Il sospetto è quindi che i due nigeriani bloccati abbiano aiutato a sezionare e occultare il cadavere nelle valigie poi abbandonate a Pollenza.

I carabinieri, che vagliano la posizione anche di altre persone, stanno interrogando i sospetti per capirne gli spostamenti e la posizione nelle ore in cui Pamela è morta o è stata uccisa, per verificarne l'alibi.

Il procuratore Giovanni Giorgio, attraverso un comunicato, ha da parte sua fatto sapere che "sono in corso e si protrarranno per l'intera giornata audizioni a chiarimenti di più soggetti di nazionalità nigeriana", ma che "non sono stati effettuati fermi".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali