FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Caso Mollicone, il padre: forse la verità 16 anni dopo lʼomicidio

Gli unici indagati, con le ipotesi di omicidio volontario e occultamento di cadavere, sono lʼex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, la moglie e il figlio

Caso Mollicone, il padre: forse la verità 16 anni dopo l'omicidio

"Voglio la verità, sta venendo fuori, Serena è stata uccisa in caserma". Dopo 16 anni, grazie a una nuova perizia, il padre di Serena Mollicone, Guglielmo, appare fiducioso che si possa dare un nome al colpevole dell'omicidio della figlia, avvenuto nel 2001 ad Arce, nel Frusinate. Gli unici indagati, con le ipotesi di omicidio volontario e occultamento di cadavere, sono l'ex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, la moglie e il figlio.

Secondo l'accusa la giovane si sarebbe recata in caserma il primo giugno, cioé due giorni prima di essere ritrovata senza vita, per denunciare appunto il figlio dell'ex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, forse per una questione di droga, e da lì non sarebbe mai più uscita.

La ferita trovata sulla testa della ragazza, secondo quanto emerso, sarebbe infatti compatibile con la rottura trovata sulla porta di un alloggio nella caserma.

"La relazione medico-legale - ha commentato l'avvocato Dario De Santis, che difende la famiglia Mollicone - è sicuramente un elemento importante, che potrebbe anche rivelarsi decisivo. Aspettiamo di leggerla per capire bene, prima di decidere eventuali altre iniziative". Per il legale "gli accertamenti sono stati svolti nel modo più completo possibile".

"Non c'è solo il segno di sfondamento sulla porta, ma ci saranno anche altre cose che ultimamente gli inquirenti hanno trovato, che sono riusciti a sapere da persone che precedentemente non avevano parlato", ha aggiunto Guglielmo Mollicone".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali