FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Lʼex marito non può pagare lʼassegno di mantenimento alle figlie: "Ci pensi il datore di lavoro"

La decisione è del Tribunale di Roma con ordinanza numero 21335/2018

L'ex marito non può pagare l'assegno di mantenimento alle figlie: "Ci pensi il datore di lavoro"

Se l'ex marito non paga gli assegni di mantenimento la somma dovrà essere versata dal datore di lavoro. Lo ha deciso il Tribunale di Roma con ordinanza n. 21335/2018 secondo quanto reso noto dall'associazione "Avvocato del Cittadino". Protagonista della vicenda una loro cliente che aveva chiesto assistenza a fronte degli inadempimenti dell'ex coniuge che doveva versare i soldi per le figlie.

La donna, stanca di non ricevere l'assegno di mantenimento, 700 euro mensili destinati ad integrare le spese per le figlie, si era rivolta all'associazione, che le ha fornito assistenza legale. A fronte della comprovata e ripetuta inadempienza del coniuge, il Tribunale civile di Roma ha disposto che a pagare l'assegno di mantenimento mensile sia direttamente il datore di lavoro dell'ex marito: un modo per garantire che i soldi vengano trasferiti mensilmente alla ex moglie, alternativo in sostanza al pignoramento di parte dello stipendio del marito insolvente.

Con ordinanza n. 21335/2018, il Tribunale di Roma, ha accolto la richiesta della donna obbligando il datore di lavoro del coniuge inadempiente a corrispondere alla nostra socia "dal mese successivo alla pubblicazione del provvedimento la somma di 700,00 euro mensili da trattenere sulla retribuzione del proprio dipendente". Dunque, si precisa in una nota dell'associazione, "grazie ad Avvocato del Cittadino, una madre riesce ad ottenere puntualmente i soldi per le proprie figlie 'scavalcando' il padre inadempiente". 

"Una grande soddisfazione per la signora che, finalmente, ogni mese, non dovrà più scontrarsi con l'inerzia e l'incuranza del marito e potrà così garantire alle sue figlie il congruo mantenimento stabilito nell'accordo di separazione", si legge ancora nella nota. Infatti, si precisa, "in base all'art. 156 del codice civile, è possibile superare liti continue ogni mese e chiedere che sia direttamente il datore di lavoro a pagare quanto stabilito nelle condizioni di separazione".

Non solo: lo stesso articolo prevede anche che, qualora l'ex coniuge sia in pensione, "sia l'istituto di previdenza di spettanza" a versare direttamente la somma stabilita all'ex coniuge.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali