FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

I microbiologi clinici italiani: la malaria si vince con una diagnosi tempestiva

Lʼassociazione Amcli sottolinea lʼimportanza di applicare gli strumenti diagnostici e di sorveglianza già in atto per una patologia talvolta imprevedibile e comunque rara in Italia

I microbiologi clinici italiani: la malaria si vince con una diagnosi tempestiva

La tragica scomparsa di Sofia per malaria fa interrogare anche l'Associazione Microbiologi Clinici Italiani, Amcli, che sottolinea l'importanza di applicare gli strumenti diagnostici e di sorveglianza già in atto per una patologia talvolta imprevedibile e comunque rara in Italia. "La malaria è l'unica vera urgenza per un laboratorio di Microbiologia e la diagnosi va fatta entro 2 ore dal prelievo per un caso sospetto", spiega Pierangelo Clerici, presidente Amcli e Direttore U.O. Microbiologia A.S.S.T Ovest Milanese.

"In Italia la malaria autoctona è stata debellata dagli anni '70 e sono riportati circa 600 casi all'anno come malattia d'importazione da aree a rischio sia in viaggiatori italiani che internazionali - precisa Annibale Raglio, responsabile Controllo Infezioni Ospedaliere, ASST Papa Giovanni XXIII, Bergamo e Coordinatore Comitato di Studio della Parassitologia dell'Amcli. - Rarissimamente sono stati rilevati casi autoctoni o indotti (4 negli ultimi dieci anni) dove trovare la causa del contagio può essere assai difficile se non impossibile: zanzara nel bagaglio di un viaggiatore da area endemica o in area aeroportuale".

I numeriL'Oms è riuscita dal 2000 ad oggi a ridurre la mortalità per malaria nel mondo del 65%. Nonostante questo, ogni due minuti (era ogni 30 secondi fino al 2005), l'infezione uccide un bambino sotto i 5 anni, in particolare nell'Africa Sub-Sahariana. Sono 303.000 i piccoli deceduti nel 2015 e la maggior parte di loro, 292.000, nell’area africana.

La malaria, oltre che dalla zanzara Anopheles, può essere trasmessa per contatto di sangue, per trasfusione o per trapianto d'organo. La normativa in atto però prevede l'applicazione di procedure che, se correttamente rispettate, praticamente azzerano il rischio di trasmissione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali