FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Bergamo, minacciata e ferita: donna scappa con lʼauto e uccide il suo stalker

Il 43enne di origini albanesi lʼha aspettata al lavoro e poi lʼha aggredita con un coltello. Lei, per evitarlo, è scappata in macchina investendolo

L'ha aspettata fuori dalla biblioteca di Villongo (Bergamo), dove lei lavora, e quando è arrivata alle 8 l'ha minacciata e ferita con un coltello. La donna, in preda al panico, è tornata sulla sua auto e, facendo marcia indietro, lo ha investito accidentalmente. L'aggressore, un albanese di 43 anni, regolare in Italia, noto alle forze dell'ordine e che abitava a Chiari, nel Bresciano, è morto poco.

La 44enne, vive anche lei a Chiari e nei suoi confronti la Procura di Bergamo non ha formalizzato alcuna accusa dato che la donna stava scappando da un'aggressione. Di fronte ai carabinieri di Sarnico e Bergamo e al sostituto procuratore Gianluigi Dettori, la donna ha raccontato di conoscere l'albanese da tanti anni, ma di non aver mai avuto alcuna relazione amorosa con lui. Entrambi sono sposati e hanno dei figli, lei uno e lui due.

Tuttavia, stando al racconto della stessa donna, negli ultimi tempi l'uomo si sarebbe invaghito di lei: ai suoi rifiuti, avrebbe però risposto con minacce, anche di morte, di persona e via messaggio sul cellulare. Inoltre domenica, a Chiari, l'aveva speronata in macchina, così lei si era rivolta ai carabinieri della locale stazione (senza per il momento formalizzare una denuncia), i quali avevano chiamato in caserma il 43enne, intimandogli di desistere.

Questa mattina l'uomo si è però presentato a Villongo armato di coltello: quando la vittina è scesa dalla sua auto, l'ha minacciata e ferita a un braccio. Lei è riuscita a risalire sulla sua Mercedes e ha inserito la retromarcia per uscire dal parcheggio e scappare, senza accorgersi - ha raccontato ai carabinieri, che credono al suo racconto, coincidente con la ricostruzione dei fatti - di investire l'albanese. Dopodiché ha avvisato lei stessa il 112. La procura di Bergamo ha già disposto la restituzione della salma ai familiari: non verrà eseguita l'autopsia, in quanto le circostanze sono chiare. "Mi hanno chiamato e quando sono arrivata lo stavano rianimando - ha raccontato il sindaco di Villongo, Maria Ori Belometti -. Ho chiesto alla mia dipendente cosa le fosse saltato in mente e lei mi ha risposto che da giorni era perseguitata da quest'uomo. È una tragedia grandissima".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali