FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

#quellavoltache, le storie di molestie taciute per anni trovano voce sul web

Eʼ un progetto narrativo nato dopo lo scandalo che ha travolto il potente produttore di Hollywood Harvey Weinstein che raccoglie testimonianze di violenze non dette, per paura o per vergogna. E intanto in Svezia arrivano i concerti "antri stupro" per sole donne

Mani addosso, dappertutto, nel vagone di un treno pieno di tifosi inferociti; dita tra le cosce, al buio, nel silenzio notturno di un volo diretto a Gerusalemme. E ancora feste che diventano orge, fotografi che si trasformano in magnaccia, uomini che si scoprono bestie: sono solo uno stralcio delle storie che in queste ore donne comuni stanno raccontando sul web attraverso l’hashtag #quellavoltache. Un progetto nato dopo lo scandalo che ha travolto il potente produttore di Hollywood Harvey Weinstein, accusato di stupro e molestie da decine di attrici. Donne, adesso, che hanno deciso di parlare, bambine, prima, che si vergognavano di quanto subito.

L’iniziativa è nata per raccogliere le storie di molestie, apprezzamenti spinti, situazioni in cui ogni donna si è sentita minacciata, impaurita, poco al sicuro. Situazioni nelle quali si è scelto il silenzio per la paura di non essere credute, per l’imbarazzo di quanto stesse accadendo, per una sorta di senso di colpa che ti portava a credere di aver sbagliato qualcosa. #quellavoltache è una sorta di viaggio narrativo attraverso il quale le donne prendono coraggio e alzano la voce anche contro chi, troppo superficialmente, punta il dito contro il loro silenzio. “Perché non ho parlato? - scrive Giulia - Perché il patriarcato che non ti crede è lo stesso che cerca di colpevolizzarti per quello che ti infligge”.

E intanto in Svezia arrivano i concerti "anti-stupro" per sole donne. Nemmeno in uno dei Paesi cuore dell’Europa dei diritti e dello sbandierato rispetto dei generi, è scontato che una donna possa andare a divertirsi senza il rischio di subire molestie. Quest’estate, per la prima volta, Stoccolma ospiterà un festival musicale "man free", vietato agli uomini. A tenere in piedi la macchina saranno musiciste, tecniche di scena, addette alla sicurezza, bariste, organizzatrici, addette a catering e palco, facchine. Gli uomini non sono ammessi. C'è davvero molto da riflettere se persino la Svezia, tra i più avanzati al mondo per uguaglianza e parità sessuale, si barrica dietro l'identità di genere per tenere al sicuro le sue cittadine.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali