FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
etoro
Contenuto sponsorizzato

Cosa fare prima di iniziare a investire 

Per prima cosa è bene definire il proprio profilo di rischio. Poi occorre scegliere un servizio che non faccia pagare commissioni, come accade invece facendo trading con la propria banca. Si può anche copiare il portafoglio di un trader esperto, per iniziare subito a investire

Durante la pandemia sono aumentati gli investimenti online. Tra la nuove tendenze che si sono sviluppate in questi mesi, tra restrizioni e smart working, si evidenzia anche un numero in forte crescita di utenti che hanno scelto di fare trading online, operando di fatto sul mercato in modo indipendente. Secondo i dati della Consob, nel primo semestre del 2020 l’esecuzione di ordini è cresciuta del +31,3%, la ricezione e trasmissione di ordini del +29,3% e la negoziazione in conto proprio ha fatto segnare +45,7%.

Definire il profilo di rischio

Prima di iniziare a investire, ci sono dei punti che ogni investitore dovrebbe mettere a fuoco. Prima di tutto definire il proprio profilo di rischio, per capire se un investimento in azioni, tradizionalmente molto volatile, possa rappresentare una soluzione idonea per il proprio portafoglio. Una volta stabilito il profilo di rischio, è bene pensare su quale servizio puntare per fare in modo che l’investimento abbia costi bassi e sia sicuro.

 

L’importanza dei costi fissi

Il primo passo da compiere per iniziare a guadagnare, è quello di limitare i costi. Optare per un servizio che abbia commissioni alte, può diventare una maniera perfetta per non guadagnare soldi. Nel corso degli anni, infatti, le commissioni possono incidere significativamente sulla quota di interessi, limitando i guadagni. Tra i diversi servizi di investimento online, quello di eToro offre un servizio di investimento globale in azioni senza commissioni che riducono le barriere all’ingresso, facilitando l’apertura di conti per investire online.

 

Considerare altre opzioni oltre le banche

Una piattaforma come eToro garantisce alti standard di sicurezza e massima praticità, oltre a non comportare costi di commissione per la compravendita di azioni. Meglio evitare di fare trading con la proprio banca. Il motivo? È sempre una questione di soldi. Ma non solo. Le piattaforme che utilizzano le banche spesso sono poco efficienti e comportano costi alti di gestione, con addebiti per ogni operazione compiuta. Meglio quindi rivolgersi ad un broker regolamentato, come eToro, che offre operazioni a costo zero, e altri servizi utili per iniziare subito ad investire, anche per chi affronta i mercati finanziari per la prima volta.

 

Sfruttare i CopyPortfolio

L’idea è iniziare ad investire ma non sai su quali azioni puntare? Nessun problema. Per gestire il proprio portafoglio, eToro offre il servizio di CopyPortfolio. Si tratta di un prodotto unico di gestione del portafoglio che permette di copiare in maniera del tutto automatica molteplici mercati o trader, in base ad una strategia di investimento prestabilita. Si può costruire un portafoglio attorno a un’idea, per esempio le auto a guida autonoma, si sceglie un livello di rischio e si decide la somma da investire: il resto viene fatto in automatico dalla piattaforma. Un buon modo per iniziare ad investire, imparando da chi lo fa da più tempo e rendendo così l’investimento un processo alla portata di tutti.

 

I CFD sono strumenti complessi e comportano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva. Il 67% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Bisogna considerare se si comprende come funzionano i CFD e se ci si può permettere di correre il rischio elevato di perdere il proprio denaro.

 

CopyPortfolio è un prodotto di gestione del portafoglio, fornito da eToro Europe Ltd., autorizzato e regolamentato dalla Cyprus Securities and Exchange Commission.

I CopyPortfolio non devono essere considerati come fondi negoziati in borsa, né come fondi speculativi.