FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mara Carfagna in difesa delle donne: "Non è normale che sia normale"

In occasione della "Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne" una nuova e importante iniziativa di sensibilizzazione

Mara Carfagna, vicepresidente della Camera, lancia una nuova campagna #Nonènormalechesianormale per ricordare un tema tanto delicato quanto importante: la violenza contro le donne. In vista del 25 novembre, Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, lei e tanti personaggi pubblici e famosi sono diventati protagonisti di uno spot da far girare sui social network.

Non solo big del mondo dello spettacolo e della televisione, ma anche esponenti della cultura, della moda, della ricerca e dell'informazione accomunati da un unico messaggio contro l'indifferenza e la violenza: "Non è normale che sia normale".

L'obiettivo naturalmente è quello di rendere più capillare possibile il messaggio e raggiungere in brevissimo tempo milioni di persone, che non siano soltanto gli addetti ai lavori: è fondamentale che di violenza si parli anche in famiglia così come sui luoghi di lavoro.

Mara Carfagna ha deciso di dedicare questa iniziativa a Desirée Mariottini e Pamela Mastropietro, le due giovanissime violentate e poi barbaramente uccise, affinchè queste brutalità non avvengano mai più.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali