Le cause dell'insonnia e i suoi rimedi

Scopri i cinque modi per ritrovare il sonno e l’energia perduta

- Ha ispirato film e romanzi, accompagnato l’immagine dei poeti e degli innamorati ma, per chi ne è afflitto, l’insonnia ha ben poco di romantico. Ne esistono di vari tipi e interessano una grande fascia della popolazione che ne soffre con conseguenze sui rapporti umani e sul rendimento lavorativo. Il disturbo, acuto o cronico che sia, può durare settimane e, spesso, coinvolge il ribaltamento degli orari di veglia.

Le cause dell'insonnia e i suoi rimedi

Il funzionamento del nostro corpo è regolato secondo ritmi circadiani, "orologi biologici" che regolano l’organismo secondo cicli giornalieri che dipendono dall'alternarsi del giorno e della notte. Quando il sonno regolare è turbato e, in molti casi, ci si addormenta di giorno (o non ci si addormenta per nulla…), questi cicli si scombussolano causando diversi disturbi. L’insonnia può mettere a prova il corpo e la mente rendendo le attività quotidiane delle vere sfide. Il consiglio, allora, è di scegliere rimedi naturali che restaurino il sonno e l’equilibrio biochimico del cervello senza compromettere la salute.

1. Attività fisica - L’Università di Stanford ha condotto uno studio su un campione di 40 individui da cui è emerso che chi fra questi aveva intrapreso un’attività fisica aveva guadagnato ore e qualità del sonno. L’attività sportiva, infatti, ha il beneficio di innescare una serie di processi chimici legati alla serotonina (un ormone dell'umore) che permette al corpo di allentare lo stress e rilassarsi.

2. Mangiare sano - Una cattiva digestione è un biglietto di solo andata per l’insonnia. Mangiare leggero e con pochi condimenti sarà obbligatorio se soffrite di problemi del sonno. Gli effetti legati a questo disturbo variano dalla mancanza di concentrazione alla stanchezza, e possono provocare abbassamenti temporanei della vista, irascibilità e ansia. Risulta d’importanza fondamentale l’assunzione giornaliera di due litri d’acqua: disidratarsi affatica cuore, muscoli e può indurre uno stato confusionale.

3. Stop ad alcol, fumo, caffè - Assumere il caffè solo la mattina, e limitare il consumo di alcolici e tabacco può ristabilire quel sonno continuo che pensavamo aver perduto per sempre. L’alcol, in particolare, potrebbe dare l’illusione di fornire un aiuto per addormentarsi ma è il principale responsabile del sonno frammentato. Meglio, allora, optare per una tisana rilassante.

4. Controllare l’ambiente - Circondati da smartphone, tablet, televisori e rumori provenienti dal quartiere, è veramente difficile staccare la spina e addormentarsi. È importante “ripulire” la camera da letto da tutti quegli stimoli che turbano il sonno e impediscono al cervello di raggiungere la fase REM e dunque di attraversare tutti gli stadi del sonno. Un ottimo aiuto, quando si è a letto, è respirare con il diaframma e lasciare fuori dal letto il tran tran della vita quotidiana.

5. Assumere latticini - Se, nonostante tutti gli accorgimenti, Morfeo non ha ancora sfiorato le vostre palpebre si può tentare la strada delle proteine. I latticini, e le proteine in generale contengono magnesio e triptofano (una sostanza coinvolta nella sintesi della serotonina) che combinati insieme agiscono come un vero e proprio sonnifero naturale

TAG:
Insonnia
Riposo
Sonno
Cause insonnia
Mente
Corpo