FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Bankitalia, Visco: "Il rapporto debito/Pil rischia di diventare insostenibile"

Il governatore mette in guardia da un aumento del disavanzo e lancia un appello al governo per una "strategia credibile per il bilancio"

"Il rapporto tra debito pubblico e Pil potrebbe rapidamente portarsi su una traiettoria insostenibile". Lo sostiene il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, secondo il quale "vanno considerati i vincoli che derivano dall'elevato livello del debito, un aumento improduttivo del disavanzo finirebbe col peggiorare le prospettive delle finanze pubbliche". "Occorre definire una strategia credibile negli obiettivi di bilancio", ha aggiunto.

I timori maggiori riguardano "i dubbi degli investitori, che potrebbero spingere in alto il premio per il rischio sui titoli di Stato". Per questo motivo, secondo Visco, è necessaria "un'efficace politica di investimenti che riesca a portare l'economia su un più elevato sentiero di crescita".

"Nelle attuali condizioni della finanza pubblica e con un basso grado di efficienza nell'amministrazione, il ricorso al disavanzo va utilizzato con cautela", ha poi sottolineato il numero uno di Bankitalia. "Bisogna assicurare un impiego delle risorse effettivamente rivolto al sostegno dell'attività economica, nel breve e nel più lungo termine", ha proseguito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali