FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lʼitaliana Cristiana Cattafesta fermata in Turchia: "Sono libera"

"Hanno montato un caso per niente, volevano intimidirmi", ha affermato la donna.

L'italiana Cristiana Cattafesta fermata in Turchia: "Sono libera"

"Sono libera, me la sono cavata con poco: una notte in carcere, dove sono stata trattata benissimo". Lo ha detto Cristiana Cattafesta, a Radio Capital. La donna era stata fermata in Turchia dove si trovava per svolgere attività di osservazione elettorale per il principale partito filo-curdo del Paese, l'Hdp. "Hanno montato un caso per niente", ha aggiunto Cattafesta.

"Durante un normale controllo di polizia per strada, hanno visto sul mio profilo Facebook una bandiera del Pkk e mi hanno accusato di fare propaganda terroristica. Mi hanno accusato di connessioni con il Pkk. Gli ho detto - continua la donna alla radio - che non era vero, e che il fatto di pubblicare foto su Facebook non è un crimine".

"Li ho sfidati, gli ho chiesto di cercare sulle mail o sul mio cellulare una prova che io abbia un contatto anche lontanissimo con una persona legata al terrorismo. Non sono stati in grado di farlo", prosegue l'italiana. "Secondo me volevano creare un caso politico dal niente, volevano intimidire eventuali osservatori internazionali". E adesso? "Aspetto la decisione dell'ufficio immigrazione. Mi diranno se verrò espulsa subito oppure se, semplicemente, non potrò rientrare nella regione di Batman".

Italiana fermata nella Turchia curda

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali