FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

La Cina riduce i dazi sui prodotti importati: unʼoccasione per il Made in Italy

Secondo lʼIstat, ad aprile quello cinese è stato uno dei mercati di sbocco “più dinamici” per i prodotti italiani con una crescita annua del 17,9%

La Cina riduce i dazi sui prodotti importati: un'occasione per il Made in Italy

Esportare in Cina sarà più conveniente rispetto al passato recente: da lunedì 1° giugno 2015, infatti, Pechino ha abbassato i dazi sulle importazioni di prodotti di abbigliamento, calzature, cosmetici e altri prodotti di lusso e di largo consumo. Quali sono le ragioni alla base di questa scelta?

La Commissione per le tariffe doganali cinese ha ridotto i dazi all'import su diversi tipi di calzature – come stivali e scarpe sportive – dal 22-24% al 12%, su alcune tipologie di abbigliamento – come cappotti, completi, giacche a vento, giubbotti, giacche, maglioni e tailleur – dal 14-23% al 7-10% e, infine, su prodotti per la cura della pelle – come creme solari ed abbronzanti – dal 5% al 2%. Non sono inclusi borse, gioielli, orologi e piccola pelletteria.

A cosa dobbiamo questa decisione? Abbassando i dazi sui beni importati, Pechino vuole incentivare i consumi interni, che recentemente hanno subìto una battuta d'arresto. La riduzione dei dazi, inoltre, renderà lo shopping all'estero meno conveniente per i tantissimi turisti cinesi.

Si tratta sicuramente di una buona notizia per i Paesi che esportano in Cina. Come l'Italia, ad esempio. Secondo quanto certificato solo qualche giorno fa dall'Istat, infatti, ad aprile quello cinese era uno dei mercati di sbocco "più dinamici" per i prodotti italiani – con una crescita annua del 17,9% –, secondo soltanto al mercato statunitense (+36,4%). Incrementi sostanziosi, che hanno compensato il calo (altrettanto consistente) su base annua delle importazioni verso la Russia (-29,5%).

La Cina è uno dei mercati più importanti per l'Italia. Non è una novità. Nel 2015, ad esempio, per promuovere i prodotti italiani nel gigante asiatico, il ministero dello Sviluppo economico (Mise) ha messo a disposizione 15 milioni di euro nell'ambito del Piano per la promozione straordinaria del Made in Italy e l'attrazione degli investimenti in Italia, che – grazie ad investimenti complessivi per 260 milioni di euro – intende incrementare i flussi complessivi di export di beni e servizi italiani di circa 50 miliardi di euro entro il 2018.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali