FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Cooperante italiana rapita, decine di arresti in Kenya

Secondo alcuni media locali, le persone fermate per il sequestro di Silvia Costanza Romano potrebbero essere anche alcune centinaia

Cooperante italiana rapita, decine di arresti in Kenya

Una retata con decine di fermi e arresti è stata compiuta dalla polizia keniana in due villaggi nei pressi del Tana River, a nord di Malindi, nell'ambito delle ricerche di Silvia Costanza Romano, la cooperante milanese rapita in Kenya il mese scorso. Secondo alcuni media locali, le persone fermate potrebbero essere anche alcune centinaia.

Ricerche senza sosta - "Stiamo lavorando 24 ore su 24 per salvare Silvia", ha riferito il comandante della polizia nella zona costiera keniana, Noah Mwivanda. Con queste parole l'alto funzionario ha voluto giustificare il riserbo della polizia sul numero dei fermi e degli arresti compiuti nella contea di Tana River.

"L'informazione è molto delicata e non può essere divulgata in pieno in quanto stiamo lavorando 24 ore su 24 per salvare la ragazza", ha detto Mwivanda confermando solo arresti in un'altra località (Sera), sempre nella zona di Garsen. "I residenti della zona costiera accusano la polizia di brutalità", ha osservato Standard, uno dei tre maggiori media del Paese.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali