FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Kenya, sequestro Silvia Romano: arrestato uno dei tre sospetti rapitori

Il comandante della polizia della zona costiera James Akoru ha dichiarato che il fermato, Ibrahim Adan Omar, è stato trovato in possesso di "un fucile Ak-47, due caricatori e 100 munizioni"

Kenya, sequestro Silvia Romano: arrestato uno dei tre sospetti rapitori

La polizia del Kenya ha arrestato uno dei tre uomini sospettati del rapimento della cooperante italiana Silvia Romano, sequestrata il 20 novembre a Chakama, nella contea di Kilifi. Lo ha riferito il quotidiano Daily Nation. Il comandante della polizia della zona costiera, James Akoru, ha dichiarato che il sospettato, Ibrahim Adan Omar, è stato fermato domenica pomeriggio a Bangale, nella contea di Tana River.

Il sospetto rapitore è stato trovato in possesso di "un fucile Ak-47, due caricatori e 100 munizioni". La polizia non ha reso noto dove il sospettato sia detenuto, mentre gli altri due sospettati del rapimento della giovane volontaria milanese rapita tre settimane fa, Yusuf Kuno Adan e Said Adan Abdi, sono ancora in fuga.

La polizia ha promesso una taglia di un milione di scellini keniani (equivalente a oltre 8.500 euro) a chiunque fornisca informazioni utili alla loro cattura.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali