FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Egitto, l'udienza di Patrick Zaki rinviata al 6 aprile

 In quella che si sarebbe dovuta tenere oggi, lo studente dell'Università di Bologna, avrebbe potuto presentare "al giudice tutte le prove e le evidenze" e poi aspetteremo la decisione finale"

Il processo a Patrik Zaki è stato aggiornato al 6 aprile. Lo ha reso noto lo stesso studente egiziano dell'università di Bologna. Precedentemente Zaki aveva detto di aspettarsi una decisione del giudice monocratico già in giornata. Nell'udienza di oggi la sua legale avrebbe potuto presentare al giudice tutte le prove e le evidenze per "poi aspetteremo la decisione finale".

Prima dell'udienza Patrick Zaki è stato tenuto "circa mezz'ora" nella "gabbia degli imputati". Lo ha detto ai giornalisti lo stesso attivista egiziano dopo aver confermato che "la corte ha appena deciso di rinviare l'udienza al 6 di aprile. Adesso sono libero ed è un bene".

 

Amnesty: attesa ancora enormemente lunga

"È un'attesa ancora enormemente lunga quella di Patrick per avere finalmente la sua libertà. È una data che ricorre quella del 6 aprile: nel 2020 e nel 2021 c'erano state altre udienze in questa data. Speriamo che sia l'ultimo giorno in cui Patrick si presenterà di fronte a un giudice e fino ad allora c'è da aspettare, da stargli vicino e accompagnarlo in questa lunga attesa di quella che speriamo sia l'ultima udienza". Così Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International in Italia, commenta la notizia dell'ennesimo rinvio di udienza sul caso di Patrick Zaki.

 

 

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali