FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tigri, panda e altre 440 specie animali a rischio estinzione entro il 2050

Lo rivela uno studio dellʼUniversità di Roma "La Sapienza": lʼunica via di salvezza è il "Consumption Change", uno "scenario alternativo" nel quale lʼuomo riduce emissioni di CO2 e deforestazione

Se l'uomo non cambierà presto l'attuale modello di sviluppo socio-economico, le tigri, i panda, i rinoceronti e altre 440 specie animali potrebbero estinguersi entro il 2050. A rivelarlo è uno studio condotto dai ricercatori dell'Università "La Sapienza" di Roma e pubblicato sulla rivista Conservation Letters. Il nemico principale è incarnato dai tassi sempre crescenti delle emissioni di CO2 e delle pratiche di deforestazione.

Tigri, panda e altre 440 specie animali a rischio estinzione entro il 2050

La speranza del "Consumption Change" - Senza una convinta inversione di tendenza dell'attuale modello di sviluppo socio-economico, rischierà l'estinzione una specie su quattro di carnivori e ungulati. E il tutto entro appena 35 anni. Un disastro ambientale che però può essere evitato con quello che i ricercatori hanno definito Consumption Change: uno scenario "alternativo" che stabilisce i livelli di consumo di risorse necessari a raggiungere una serie di obiettivi finali, mediante l'uso di modelli socio-economici, biofisici ed ecologici.

Piero Visconti, ricercatore affiliato presso La Sapienza e il Microsoft Research di Cambridge, ha spiegato: "Abbiamo scoperto che uno scenario alternativo esiste ed è in grado di eradicare fame e povertà e di migliorare il benessere umano in generale, raggiungendo al contempo un miglioramento dello stato di conservazione della biodiversità".

Uno stile di vita più sostenibile - Sono diversi gli ambiti su cui operare, a cominciare dall'accesso alle risorse alimentari, energetiche e idriche da parte delle fasce più povere della popolazione umana, che dovrà aumentare fino a raggiungere i cosiddetti "Millennium Development Goals", gli "obiettivi per lo sviluppo" stabiliti delle Nazioni Unite. Si passerà poi al contenimento della produzione di scarti agricoli post-produttivi e all'adozione di una dieta più salutare, associata a un minor consumo di carne. Il tutto al fine di ridurre i consumi e le emissioni pro-capite nei Paesi sviluppati. Lo studio evidenzia inoltre che l'aumento della domanda di prodotti agricoli potrà essere soddisfatta senza espandere le coltivazioni, ma grazie a un uso più efficiente dell'attuale capacità produttiva.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali