FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Torino, disoccupata 46enne si dà fuoco davanti alla sede Inps

Licenziata a gennaio, non aveva ancora ricevuto la disoccupazione. Eʼ in condizioni molto gravi. Il fratello ringrazia lʼuomo che lʼha salvata

Una disoccupata di 46 anni si è data fuoco, procurandosi ustioni sul 25% del corpo, di cui il 10% di terzo grado. Il gesto a Torino, per cause che sono in corso di accertamento da parte della polizia intervenuta sul posto, davanti a una sede dell'Inps. Trasportata al San Giovanni Bosco, è stata intubata per essere trasferita al centro grandi ustionati del Cto. La donna era disperata perché senza lavoro e senza sussidio.

Torino, disoccupata si dà fuoco negli uffici dellʼInps

La donna aveva perso il lavoro a gennaio e non era ancora riuscita ad ottenere l'assegno di disoccupazione: "Sono esasperata, non ce la faccio più", ha urlato prima di cospargersi di liquido infiammabile e darsi fuoco con un accendino. E' stata subito soccorsa ma le sue condizioni sono comunque gravi, ha ustioni sul 70% del corpo, su torace, gambe e braccia.

Testimoni: è stato terribile - "Si è data fuoco qui, in mezzo alle persone che aspettavano il loro turno agli sportelli. Aveva il volto avvolto dalle fiamme, è stato terribile". I dipendenti della sede Inps di corso Giulio Cesare, a Torino, descrivono così i momenti di terrore vissuti poco dopo mezzogiorno quando la donna si è data fuoco procurandosi ustioni sul 70% del corpo. A soccorrerla sono stati gli stessi dipendenti dell'Inps, con alcuni estintori. Per darsi fuoco la donna avrebbe utilizzato una bottiglietta di liquido infiammabile che aveva con sè.

Il fratello ringrazia il soccorritore - "Vorrei ringraziare l'uomo che oggi ha soccorso mia sorella". Così commenta il fratello della donna. "In tanti si sono fatti prendere dal panico, ma lui no. Appena viste le fiamme, ha afferrato un estintore e lo ha attivato. Se mia sorella vivrà, possiamo dire grazie a lui. Penso sia un marocchino, un musulmano. Non ha avuto paura ed è intervenuto subito".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali