FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Gossip Girl, unʼaltra attrice accusa di stupro Ed Westwick

A denunciare è Aurélie Wynn, ex di Mark Salling, attore di Glee. Westwick smentisce sui social, ma la polizia di Los Angeles ha aperto unʼinchiesta. Intanto la Bbc non manderà più in onda una serie con lui

Gossip Girl, un'altra attrice accusa di stupro Ed Westwick

Dopo Kristina Cohen anche Aurélie Wynn, attrice e modella statunitense, ha accusato di stupro Ed Westwick, la star di Gossip Girl. Per la seconda volta la violenza viene denunciata sui social: la Wynn ha infatti pubblicato un lungo post sulla sua pagina Facebook in cui racconta l'episodio che risalirebbe al 2014. Westwich continua a smentire le accuse, ma intanto la polizia di Los Angeles ha aperto un'inchiesta su di lui.

"Agosto 2014, ho attraversato un inferno con Ed Westwick - scrive la Wynn su Facebook - sono arrivata alla proprietà Glendower Estates, dove Ed risiedeva, perché una mia amica usciva col suo compagno di stanza, un membro del cast di Glee".

Aurélie racconta poi che alle 5 del mattino, quando erano ancora tutti a casa di Ed, hanno deciso di fare un pisolino visto che c'erano diverse stanze libere. Proprio in quell'occasione sarebbe avvenuto lo stupro. La Wynn non racconta i dettagli, ma dice: "Esattamente com'è successo a Kristina Cohen, ho rifiutato Ed ma lui mi ha spinto la testa indietro e mi ha fermato col peso del suo corpo. Indossavo un costume da bagno a un pezzo che lui strappò, ero completamente sotto shock".

La Wynn dice di essere praticamente fuggita dalla casa di Ed facendosi chiamare un taxi da un'amica. Qualche giorno dopo la ragazza ha raccontato l'accaduto al suo fidanzato Mark Selling. Ma l'attore di Glee avrebbe avuto la stessa reazione del ragazzo della Cohen: ha incolpato Aurélie di quanto era successo e le ha intimato di tacere. Anche gli amici le avrebbero consigliato di non dire nulla perché nessuno le avrebbe creduto: l'avrebbero accusata di essere in cerca di gloria e additata come "quella ragazza".

Aurélie avrebbe seguito questi consigli per anni, ma sulla scia del caso Weinstein e dopo aver appreso della denuncia della Cohen, ha deciso di rompere il silenzio. "Volevo semplicemente dare il mio appoggio a Kristina perché le credo. Sono contenta che tutto questo stia finalmente venendo alla luce". E poi conclude il post ringraziando la Cohen: "Senza di te non avrei avuto la forza di raccontare pubblicamente il mio inferno".

Ed Westwick anche questa volta ha smentito le accuse. "Ritengo triste che dopo due false insinuazioni sui social qualcuno abbia pensato che io c'entri qualcosa con una condotta tanto vile. - ha scritto l'attore in rete - Non è assolutamente così e sto collaborando con la polizia affiché il mio nome venga ripulito al più presto"

Intanto la polizia di Los Angeles ha aperto un'inchiesta contro la star di Gossip Girl. Lo ha confermato un portavoce delle forze dell'ordine all'Huffington Post. Mentre la Bbc ha deciso di cancellare dalla programmazione la mini serie televisiva Ordeal by Innocence (Le due verità) basata sull'omonimo romanzo di Agatha Christie. Westwick era uno degli attori del cast e, dopo le recenti accuse di stupro, la Bbc ha deciso di annullare la serie che doveva essere mandata in onda nel periodo di Natale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali