FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Il Congo autorizza il ricongiungimento dei 66 bimbi adottati in Italia

Il ministro Paolo Gentiloni, si è detto "molto soddisfatto" del risultato e auspica che i piccoli possano abbracciare presto i loro genitori adottivi

Il Congo autorizza il ricongiungimento dei 66 bimbi adottati in Italia

La Repubblica Democratica del Congo ha autorizzato il ricongiungimento di 66 bambini con le loro famiglie adottive in Italia. Lo rende noto la Farnesina, che riprende l'annuncio dell'ambasciata italiana a Kinshasa. Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, si è detto "molto soddisfatto" del risultato. Il ricongiungimento di questo nuovo gruppo di bambini si aggiunge a quello di altri 14 già autorizzato a metà febbraio.

Auspicando che "la buona cooperazione in corso con le autorità congolesi" possa proseguire, il ministro Gentiloni confida ora "nella spedita azione della Commissione Adozioni Internazionali affinché le procedure vengano completate e i bambini possano preso abbracciare le famiglie adottive".

L'autorizzazione del ricongiungimento rappresenta un autentico traguardo per i rapporti diplomatici tra Congo e Italia, messi a dura prova nel 2013 per presunti casi di violenze su bambini e di adozioni da parte di coppie omosessuali, vietate dalla legge. All'epoca Kinshasa sospese infatti le adozioni internazionali. Il "braccio di ferro" fra i due Stati è giunto al termine nel maggio 2014, quando un aereo proveniente da Kinshasa portò a Roma 31 bambini congolesi adottati da famiglie italiane.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali