FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Orly, rilasciati i parenti dellʼuomo ucciso | Autopsia: sotto effetto alcool e droghe

"Non era un terrorista - ha raccontato il padre -, ma beveva e si drogava"

Orly, rilasciati i parenti dell'uomo ucciso | Autopsia: sotto effetto alcool e droghe

Sono stati rilasciati il padre, il fratello e il cugino di Ziyed Ben Belgacem, l'uomo ucciso sabato dalla polizia all'aeroporto Orly di Parigi dopo aver tentato di rubare il fucile a un'agente. I tre si erano presentati spontaneamente alla polizia. L'aggressore aveva contattato padre e fratello dopo aver sparato a un agente a Nord di Parigi, prima di dirigersi verso Orly. Il cugino ha raccontato invece di aver passato con lui la serata di venerdì.

Autopsia: Ziyed sotto effetto di alcool e droghe - L'autopsia, effettuata domenica, ha rivelato che l'uomo aveva consumato droga (cannabis e cocaina) e alcool. Sembra quindi prendere sempre più piede la teoria del padre di Ziyed che, una volta rilasciato ha infatti affermato: "Mio figlio non è mai stato un terrorista. Non ha mai pregato e beveva, era sicuramente sotto l'effetto di alcool e cannabis".

Si allontana l'ipotesi terrorismo - L'improvvisa escalation di violenza e aggressività che ha colto sabato l'assalitore della pattuglia di militari a Orly sembra essere dovuta quindi più a una esplosiva miscela di cocaina, cannabis e alcol che non alla "radicalizzazione" che già le prime affermazioni del procuratore Francois Molins sembravano escludere.

Ziyed, delinquente comune con precedenti per furti, rapine e spaccio, era rimasto al bar di Vitry fino alle 3 del mattino, poi era stato fermato ad alta velocità e fari spenti nei pressi di casa. Lì la reazione con la pistola a pallini contro il posto di blocco, poi il succedersi di episodi di violenza fino all'assalto ad Orly, al grido di "morire per Allah". I risultati dell'autopsia gettano una luce nuova sui fatti, il concatenarsi di azioni, l'escalation di violenza non sono un piano preordinato, piuttosto gli effetti di uno stato di alterazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali