FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

La Ferrari debutta a Piazza Affari Marchionne: "Inizia un nuovo capitolo"

Quanto al futuro sportivo di casa Ferrari, il presidente del Cavallino ha spiegato come "lʼunico vero obiettivo è riportare il titolo mondiale a Maranello". Elkann: "Fca, grande futuro anche senza Ferrari"

La Ferrari debutta a Piazza Affari Marchionne: "Inizia un nuovo capitolo"

Dopo lo sbarco a Wall Street del 21 ottobre, la Ferrari ha debutta a Piazza Affari. Presente a Palazzo Mezzanotte, addobbato con i colori del Cavallino, anche Matteo Renzi. "Si apre un importante capitolo della storia della Ferrari, che ne sancisce l'indipendenza da Fca", ha detto Sergio Marchionne. Il titolo è stato sospeso a causa delle pressioni ribassiste, per poi rientrare negli scambi e chiudere a 43,67 euro, sopra i 43 dell'avvio.

La Ferrari debutta a Piazza Affari Marchionne: "Inizia un nuovo capitolo"

"Con la quotazione si è aperto un nuovo capitolo. E' un nuovo traguardo, una nuova partenza - ha detto Marchionne -. Competere sul listino di Milano per la Ferrari è come tornare alle origini.

Marchionne: "Un grazie a Renzi per quello che sta facendo per il Paese" - Marchionne ha quindi ringraziato il premier Renzi che "nonostante un'agenda fitta di impegni ha trovato il tempo di venire qui". Un grazie - ha aggiunto - anche "per quello che sta facendo per il Paese".

Marchionne: "Riporteremo il titolo mondiale a Maranello" - Quanto al futuro sportivo di casa Ferrari, Marchionne ha spiegato come "l'unico vero obiettivo è riportare il titolo mondiale a Maranello". "Non faremo mai mancare investimenti per garantire ritorni significativi agli azionisti - ha aggiunto - guardando con attenzione a quello che ci offrono gli altri mercati. Il mio impegno è continuare a far crescere questa azienda senza tradire i valori della storia della Ferrari ma senza rimanerne prigionieri".

Renzi: "Bellissima occasione per l'intero Paese" - La quotazione in Borsa" di Ferrari "deve diventare sempre di più un elemento di forza, di trasparenza. Poter portare anche a Milano la Ferrari è un gesto molto bello e importante e credo che debba essere seguito da altre realtà", ha detto Renzi a Piazza Affari. "Credo che sia un bellissimo messaggio per l'intero Paese. Penso che l'Italia debba smettere di giocare con gli alibi".

Marchionne: "Condivido l'ottimismo di Renzi" - "Condivido con Renzi il fatto che si è fatta tanta strada nel 2015", ha detto Marchionne dopo le parole di Renzi. "Abbiamo fatto assunzioni grazie ai cambiamenti nel mercato del lavoro, lo stabilimento di Melfi sta andando alla grande, ci stiamo preparando per il lancio dell'Alfa Romeo, sono - ha proseguito - tutti segnali importanti di ripresa dell'economia italiana, condivido il suo ottimismo". "Sono piuttosto soddisfatto dell'andamento del 2015 e non ho ragione di pensare che il 2016 sia diverso", ha concluso.

Elkann: "Oggi si apre una nuova strada" - E' una giornata bella, entusiasmante. Le parole di Renzi sono state molto positive e sono di buon auspicio per il 2016". Lo ha detto il presidente di Fca John Elkann presente alla cerimonia di quotazione Ferrari con la moglia Lavinia e i figli Leone e Oceano. "Si apre una strada per Ferrari, oggi è l'inizio", ha aggiunto.

"Fca, grande futuro anche senza Ferrari" - Elkann ha poi assicurato che "Fca ha un grande futuro davanti anche senza Ferrari. Avrà un perimetro molto più chiaro e più focalizzato. Fca è il settimo costruttore automobilistico, ha un piano avviato. Vedo un 2016 pieno di belle soddisfazioni".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali