FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Quattro mesi di reclusione alla modella che aveva scritto un post razzista

Michela Bartolotta, 23enne di Padova, si era scusata e lo stesso aveva fatto anche il padre. Ma per il tribunale ha violato la legge Mancino

Quattro mesi di reclusione alla modella che aveva scritto un post razzista

Quattro anni fa scriveva su Facebook che non sarebbe mai andata d'accordo con il popolo rumeno, né con le loro "badanti depresse" ed "elementi maleodoranti". Subito dopo, viste le migliaia di critiche raccolte, cercava di mettere una pezza alle frasi razziste organizzando eventi serali per persone di nazionalità rumena. Ma nulla di tutto questo è servito a Michela Bartolotta, 23enne di Padova, per evitare la sentenza a quattro mesi di reclusione.

Il post razzista"Io e il popolo romeno non andremo mai d'accordo, tra badanti represse e altri elementi maleodoranti privi di civiltà". Non usava mezzi termini Michela Bartolotta in un post di Facebook pubblicato quattro anni fa. La ragazza allora aveva 19 anni e lavorava come commessa in un 3Store a Padova, ma aspirava a diventare una modella professionista. Alle spalle, una partecipazione a Miss Muretto e al Bikini Contest a Rimini.

L'indignazioneA qualcuno la frase era piaciuta, molti altri invece l'avevano criticata. Un'indignazione così forte che l'autrice del post l'aveva rimosso. Mentre il padre si prodigava in favore della figlia, parlando con i giornalisti della stampa locale e condannando ogni forma di xenofobia e razzismo, lei si scusava. Frasi scritte in un momento di rabbia, diceva, dovuta allo stress del lavoro. Aveva anche organizzato un evento serale allo store per tutte le persone di nazionalità romena, alle quali aveva regalato schede telefoniche ricaricabili.

La legge MancinoGesti plateali che a nulla sono valsi contro la legge Mancino, che prevede anche fino a tre anni di carcere per chi diffonde idee che promuovano la superiorità di una razza rispetto alle altre e che incitino alla discriminazione. Tenuto conto però della giovane età della ragazza e delle pubbliche scuse che ha presentato, il tribunale di Padova ha attenuato la pena: quattro mesi di reclusione, con la sospensione condizionale e la non menzione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali