FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Andavano a pranzo dal nonno, hanno trovato la morte: il dramma della famiglia distrutta nel crollo di Genova

In auto cʼerano papà, mamma e il loro figlio di sette anni e mezzo

Stavano andando a pranzo dal nonno, a Volti. Un tragitto breve dalla loro abitazione, una strada fatta centinaia di volte e quel viadotto tanto discusso su cui hanno trovato la morte. Roberto Robbiano, la moglie Ersilia Piccinino e il loro piccolo Samuele, di soli sette anni e mezzo sono tra le vittime del crollo del ponte a Genova. I loro parenti li aspettavano a casa: quando la notizia è rimbalzata sui tg hanno provato a chiamarli, ma ai cellulari non ha mai risposto nessuno.

Crollo del ponte a Genova, le vittime

Attorno alle 13 l'ansia è diventata terrore. Un amico di famiglia, come riferisce Repubblica, è riuscito a raggiungere il luogo della tragedia. Si è fatto largo tra i soccorritori e ha riconosciuto l'auto. Marco, modello, colore e quel pallone di Spiderman con cui aveva visto giocare Samuele durante i viaggi con mamma e papà. L'atroce sospetto è poi diventato certezza al San Martino, dove i parenti sono stati accolti dal team di psicologi previsto dalla prefettura: Roberto, Ersilia e Samuele non ci sono più.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali