FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

29/1/2008

Baudo: "Chiambretti stupirà tutti"

Presentato il 58° Festival di Sanremo

Cinque serate, venti big e quattordici artisti. Questi i numeri della 58a edizione del Festival della canzone italiana, che si aprirà il prossimo 25 febbraio al Teatro Ariston di Sanremo, per concludersi il primo marzo. La manifestazione, condotta per la tredicesima volta da Pippo Baudo, è stata ufficialmente presentata al Teatro dell'Opera del Casinò di Sanremo dal direttore di Rai Uno Fabrizio Del Noce.

Pippo Baudo, che della rassegna canora è anche il direttore artistico, sarà affiancato nella conduzione da Piero Chiambretti. Con loro sul palco dell'Ariston saliranno anche l'attrice Bianca Guaccero e la modella ungherese Andrea Osvart.

Nelle prime due serate, si esibiranno i venti big e i quattordici giovani Le due vedette femmiili non figureranno insieme nel corso delle prime due serate. All'esordio sarà Andrea Osvart ad affiancare il duo Baudo-Chiambretti, per lasciare spazio a Bianca Guaccero nella serata di martedì. La terza sera, la gara si ferma per un giorno e verrà dedicato ampio spazio al dopofestival: sarà l'occasione per fare un primo bilancio delle canzoni presentate con ospiti e protagonisti del Festival. Giovedì 28 febbraio, invece, si formerà l'accoppiata Guaccero-Osvart e i venti campioni proporranno la propria canzone in una versione riadattata, affiancati da artisti italiani o stranieri. Venerdì si deciderà chi tra gli otto giovani rimasti in gara, dopo le eliminatorie delle prime due serate, verrà proclamato vincitore. La stessa sera vedrà anche le performance dei superospiti.

Baudo è molto soddisfatto del lavoro svolto finora e annuncia che dopo aver chiuso il cast dei cantanti in gara, si avvicina a chiudere anche quello degli ospiti: "Ci saranno sicuramente tre grandi star internazionali quali Lenny Kravitz, Kilye Minogue e Leona Lewis, ma dovremmo arrivare a sei", ha sottolineato il direttore artistico del Festival. E sei dovrebbero essere anche i superospiti italiani: è quasi certa infatti la presenza di Jovanotti, Antonello Venditti, Giorgia, Fiorella Mannoia, Gianni Morandi e Biagio Antonacci.  

Durante la conferenza stampa di presentazione, Pippo Baudo è apparso molto rilassato e soddisfatto per il lavoro di preparazione svolto fin'ora. Il conduttore non ha perso l'occasione per scherzare e, battendo sul fatto che quella che si appresta a condurre sarà la sua tredicesima edizione del Festival di Sanremo, si è autodefinito matusa. "Il Festival di quest'anno - ha annunciato Baudo - avrà due chiavi di lettura: quella mia tradizionale e quella di Chiambretti più eterodosso. Piero combinerà una serie di diavolerie, per le quali ha chiesto aiuto alle scenografie di Gaetano Castelli e alle soluzioni sceniche del trasformista Arturo Brachetti. Insomma, Chiambretti sarà un vulcano".

L'inedita coppia promette scintille e lo si capisce dalle prime battute della conferenza stampa: "Con Piero siamo una coppia di fatto", attacca Baudo e Chiambretti ricambia: "Il Paese va a picco, ma il Festival resiste. Più che per il Pd io sono per il PB, Pippo Baudo". In un momento delicato dal punto di vista governativo, non poteva mancare la satira politica di Chiambretti alla presentazione del 58esimo Festival di Sanremo.

Il conduttore torinese, scherzando con Pippo Baudo, ha poi aggiunto: "Sarò la stagista di Baudo, la sua Monica Lewinsky, anzi la Lewinsky meglio di no. Sarò la Carla Bruni di Le Roi e credo che insieme faremo grandi cose".

Fiducioso anche il direttore di Rai Uno Fabrizio Del Noce, che ha presentato la rassegna dicendo: "Non avrei mai pensato di arrivare al sesto festival, record di durata. Pippo in 39 anni ne ha fatti 13. Sono record non battibili". Il direttore di rete ha promesso "un Festival molto valido, con canzoni interessanti, un complesso di lavoro sicuramente buono da farci prevedere un Festival di successo"

Tornando alla satira politica e alla polemica sull'età elevata dei big in gara, il pungente Chiambretti ha aggiunto: "Sull'età molto alta dei cantanti c'è da dire che se la paragoniamo a quella dei nostri politici, beh vuol dire che qui siamo allo Zecchino d'oro".

Incorreggibile Chiambretti e prendendo a prestito una sua frase sanremese: "Comunque vada, sarà un successo".