FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Svizzera, Corte europea: sì ai corsi di nuoto misti per le ragazze musulmane

Il tribunale di Strasburgo dà ragione alle autorità elvetiche, dopo una disbuta legale perché le famiglie non volevano mandare le figlie in piscina con i maschi

Svizzera, Corte europea: sì ai corsi di nuoto misti per le ragazze musulmane

Le ragazze musulmane in Svizzera dovranno frequentare lezioni di nuoto miste. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti dell'uomo, dopo una guerra legale tra autorità svizzere e una famiglia di religione islamica. La Corte ha ammesso che costringere le ragazze musulmane a nuotare con i maschi è "un'interferenza nella libertà di religione" ma "non si tratta di una violazione".

Il tribunale di Strasburgo ritiene che la Svizzera abbia "il diritto di dare la precedenza alle regole della scuola e alla piena integrazione" dei ragazzi e i suoi magistrati hanno quindi dato ragione alle autorità elvetiche, promuovendo il ricorso.

Il caso: nuoto vietato alle figlie adolescenti e multa alle famiglie - Il caso era scoppiato sei anni fa, quando due famiglie svizzere di origine turca avevano deciso di non mandare le loro figlie adolescenti alle lezioni di nuoto miste e obbligatorie. Costretti dalle autorità scolastiche a pagare una multa da 1.300 euro, le famiglie fecero ricorso considerando l'ammenda una violazione dell'articolo nove della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, cioè quello sulla libertà di pensiero e religione.

Ma oggi la Corte di Strasburgo ha stabilito che il rifiuto di esentare le ragazze dalle lezioni di nuoto miste, "pur rappresentando un'interferenza nel diritto alla libertà di religione", è conforme a un altro diritto, quello di "proteggere i ragazzi stranieri da qualsiasi forma di esclusione sociale".

"L'interesse degli studenti a ricevere un'istruzione completa che li aiuti a integrarsi pienamente con gli usi e i costumi locali - dice la sentenza - prevale sulla volontà dei genitori di esentare i figli dalle lezioni miste".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali