FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Siria, Ong: "Tregua violata, bombe su Ghouta. Almeno 7 morti" | Il Papa: "Basta violenza"

Lʼappello del Santo Padre a cessare questa "guerra disumana", mentre la zona piomba nellʼorrore dei raid a poche ore dallʼapprovazione del cessate il fuoco da parte dellʼOnu

Il regime siriano ha ripreso a bombardare la zona orientale del Ghouta, roccaforte dei ribelli, nonostante la tregua di trenta giorni approvata dal Consiglio di sicurezza dell'Onu. Il bilancio è di 7 morti e almeno 30 feriti. Lo rende noto l'Osservatorio siriano per i diritti umani, secondo cui la periferia di Douma è stata bombardata almeno due volte. Anche il Papa fa un appello "perché cessi subito la violenza in questa guerra disumana".

Il grido del Santo Padre - "Cessi subito la violenza in Siria", è l'esortazione di Francesco per un Paese "in cui la guerra si è intensificata". Il Papa chiede che "sia dato accesso agli aiuti umanitari - cibo e medicine - e siano evacuati i feriti e i malati". All'Angelus, Francesco ha detto: "Questo mese di febbraio è stato uno dei più violenti in sette anni di conflitto: centinaia, migliaia di vittime civili, bambini, donne, anziani; sono stati colpiti gli ospedali; la gente non può procurarsi da mangiare. Tutto questo è disumano".

Ancora violenze nonostante il cessate il fuoco - L'Ong segnala intanto anche "scontri tra le forze del regime il gruppo ribelle di Jaich al-Islam". Il segretario Generale dell'Onu, Antonio Guterres, aveva lanciato un appello a tutte le parti per consentire "l'immediata consegna di scorte umanitarie". Mercoledì scorso, parlando al Consiglio, il capo delle Nazioni Unite aveva definito la situazione nel Ghouta "un inferno in terra".

I due principali gruppi di ribelli che controllano la zona del Ghouta orientale hanno fatto sapere che rispetteranno la tregua. In un comunicato il gruppo islamista Jaich al-Islam si è impegnato "a proteggere i convogli umanitari che entreranno nella zona e si riserva il diritto di rispondere immediatamante a tutte le violazioni commesse" dalle forze del regime. Un altro gruppo ribelle, Faylaq al-Rahmane, si è detto pronto a "rispettare la tregua" e a "facilitare l'ingresso di tutti gli aiuti dell'Onu nel Ghouta orientale", sottolineando il "diritto di legittima difesa e di rispondere a tutte le aggressioni".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali