FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brexit, cʼè lʼaccordo tra Ue e Gb per la proroga fino al 31 ottobre | May: "Il governo non offre un secondo referendum"

La May: "Accolta la richiesta di flessibilità per lʼuscita anticipata". Tusk "Lʼestensione consentirà di trovare la soluzione migliore possibile, non sprecate tempo"

I leader dei 27 Paesi Ue e la Gran Bretagna hanno concordato una proroga flessibile dei negoziati per la Brexit fino al 31 ottobre, ultimo giorno del mandato dell'attuale Commissione Ue, tanto che qualcuno l'ha già ribattezzata "Halloween-Brexit". E' prevista una revisione della situazione, e degli eventuali passi avanti fatti dalla May nei negoziati con l'opposizione laburista. Il premier May: "Il governo non offre un secondo referendum".

"Un'estensione flessibile, un po' più corta di quanto prevedevo, ma ancora abbastanza, per trovare la soluzione migliore", ha commentato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, invitando Londra a "non buttare via questo tempo".

Condizione posta dall'Unione per ottenere la proroga è però la partecipazione della Gran Bretagna alle elezioni Europee (a meno che la May non riesca, attraverso un accordo con l'opposizione laburista, a far approvare l'accordo di recesso dal Parlamento britannico prima dello svolgimento del voto, cioè prima del 23 maggio), pena la certezza di trovarsi catapultata fuori dal blocco europeo, senza un accordo, il primo giugno. "Dura lex, sed lex", ha rimarcato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che ci ha tenuto a sottolineare come la "revisione" fissata al Consiglio europeo di giugno non sara' una tagliola, ma un'occasione "per fare un punto della situazione".

La May ha comunque rimarcato che l'Ue "ha accolto la mia principale richiesta" di aggiungere all'accordo raggiunto una clausola per un'uscita dall'Unione il prima possibile. Così, se l'accordo sulla Brexit sarà approvato dal Parlamento britannico, Londra "potrà ancora uscire dall'Unione prima del 30 giugno".

L'accordo raggiunto fra i leader dei 27 è un compromesso in cui ha pesato molto la posizione intransigente della Francia, fortemente contraria a una proroga più lunga. Tusk, infatti, aveva proposto un'estensione lunga per la fine dei negoziati con Londra, fino a un anno, e le due date possibili di cui si era parlato inizialmente erano la fine di dicembre e la fine di marzo 2019. Ma il presidente francese Emmanuel Macron ha tenuto duro, a quanto pare da solo, sulla sua posizione contraria alla proroga breve. Così si è arrivati alla decisione che prevede un rinvio al 31 ottobre.

Il presidente francese a fine vertice ha parlato di "miglior compromesso possibile per salvaguardare l'unità dei 27" anche di fronte a eventuali azioni di ostruzionismo da parte del Regno Unito durante la proroga. Uno spauracchio che i Tory brexeeter sono tornati ad agitare, inquietando anche il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, che ha avvertito: l'Eurocamera "non è un albergo a ore, da cui si entra e si esce a proprio piacimento".

Paladina della necessità di concedere una proroga lunga a Londra - che nelle intenzioni iniziali era di nove, dodici mesi - è stata invece Angela Merkel, che si è battuta fino all'ultimo, richiamando la necessità di "salvaguardare l'unità dell'Ue e ad evitare una Brexit senza accordo".

May: "Il governo non offre un secondo referendum" - Il governo britannico "non offre un secondo referendum" sulla Brexit. Theresa May lo ha ribadito alla Camera dei Comuni rispondendo all'ennesima sollecitazione del capogruppo indipendentista scozzese Ian Blackford. La premier ha riconosciuto che, se la legislazione su un accordo sarà riproposta in Aula, i deputati potranno chiedere di nuovo una consultazione referendaria bis, ricordando però che tali proposte sono già state bocciate.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali