FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Roma, Mimmo Lucano alla Sapienza: "Siamo onda rossa" | Cori e applausi degli studenti

Lʼex sindaco di Riace riceve solidarietà da un corteo antifascista fuori dallʼuniversità. Registrato qualche momento di tensione: un ragazzo è stato aggredito da un militante di Forza Nuova

Applausi e cori "Mimmo, Mimmo" al termine del suo intervento. Una vera e propria ovazione alla Sapienza per il sindaco "sospeso" di Riace, Mimmo Lucano, invitato a un seminario alla Facoltà di Lettere. Fin dal suo arrivo gli studenti antifascisti radunati a piazzale Aldo Moro lo hanno acclamato. Si sono fermati a diversi metri di distanza dall'ateneo, i militanti di Forza Nuova che avevano annunciato un "controcomizio" contro Lucano.

La Sapienza, corteo antifascista a favore di Mimmo Lucano

Momenti di tensione - Qualche attimo di tensione si è registrato davanti alla biblioteca nazionale a Castro Pretorio, dove si erano radunati prima di mettersi in marcia verso la Sapienza. Un ragazzo è stato schiaffeggiato da un militante di Forza Nuova. Il giovane, che stava uscendo dalla biblioteca, gli avrebbe urlato "fascista di m" ed è stato colpito con uno schiaffo. Le forze dell'ordine, che fin dal mattino hanno presidiato tutta l'area, li hanno separati.

Forza Nuova: "Siamo qui per impedire lectio magistralis" - I manifestanti di destra hanno poi proseguito verso l'università, intonando cori come "Boia chi molla" e "L'antifascismo non passera'", ma sono stati fermati a diversi in una piazza, lontana dall'ingresso della struttura, dove hanno esposto uno striscione con su scritto "Mimmo Lucano nemico dell'Italia". "Oggi la nostra volontà è di impedire con forza a Mimmo Lucano di parlare agli studenti con una lectio magistralis", ha detto al megafono il leader di Fn Roberto Fiore.

Lucano agli studenti: "Siamo l'onda rossa" - E proprio in quei momenti ha fatto il suo arrivo alla Sapienza Mimmo Lucano, che è stato accolto da un lungo applauso e dal coro "Siamo tutti Mimmo Lucano" levatosi dal presidio degli studenti antifascisti. "Siamo l'onda rossa che contrasta l'onda nera che sta oscurando anche i nostri orizzonti", ha detto agli studenti. "Il ministro dell'Interno è uno degli autori che ha creato in Italia questo clima di odio e divisione", ha aggiunto prima di entrare nell'Aula 1 della Facoltà di Lettere, gremita di persone, dove ha parlato del modello di accoglienza di Riace e della sua situazione giudiziaria.

"Tutti possiamo sbagliare, ma dobbiamo assumerci le responsabilità e, a testa alta, affrontare i processi senza trovare escamotage", ha detto, aggiungendo: "Di fronte alla legge siamo tutti uguali. Non dobbiamo trovare escamotage e poi fare i forti con i deboli". Lucano - che oggi ha fatto sapere di votare "La Sinistra" sostenendo Eleonora Forenza che a Riace e ai migranti è stata tanto vicina" - ha definito quello che è successo nel suo paese un "piccolo miracolo". "Si è ripopolata, hanno riaperto le scuole" ha detto spiegando: "Non c'è stata premeditazione sulla nostra accoglienza, ma è stata un'idea spontanea. Le persone del luogo hanno cominciato a pensare che c'era una possibilità di speranza perché arrivava nuova gente e non importava da dove venissero e quale fosse la loro religione". Ha invitato ad "avere fiducia nelle persone" e "non vivere nel pregiudizio". "Se oggi avrò convinto anche solo una persona a scegliere l'umanità avrò raggiunto una vittoria", ha sottolineato concludendo il suo discorso.

Parole accolte con una standing ovation, accompagnata da cori "Mimmo, Mimmo" e "Bella ciao". "Oggi alla Sapienza profumo di riscatto e libertà. L'odio non può governare l'Italia e verrà sconfitto. Mimmo Lucano", ha commentato su Twitter il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali