FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

I Casamonica: dalle origini nomadi a principi dello spaccio e dellʼusura

Il clan di "don Vittorio" fu colpito da una maxiretata nel 2013, quando gli furono sequestrate 23 ville con piscine, Rolls-Royce e Ferrari

I Casamonica: dalle origini nomadi a principi dello spaccio e dell'usura

Fanno parte della "generazione" mafiosa degli anni Settanta i Casamonica, la famiglia del boss mafioso sepolto giovedì a Roma con una cerimonia funebre stile padrino nella chiesa don Bosco di Cinecittà. In quegli anni i Casamonica facevano da spalla alla Banda della Magliana, per la quale controllavano la parte est della capitale. Ma sono cresciuti. Tanto e in fretta.

Ramificazioni al Nord e in varie regioni del Sud, la famiglia era nota per le sue origini nomadi (Vittorio era soprannominato il re degli zingari). Ma in realtà il suo clan è ben radicato nella Roma di oggi, dove il suo peso si è consolidato negli anni Ottanta e Novanta, quando i Casamonica si sono conquistati a pieno titolo attività di spaccio, truffa, estorisioni, usura. E oggi hanno "un migliaio di aderenti", dice il dizionario Castelvecchi sulle mafie.

Colpiti più volte dalla giustizia, tra maxiretate e sequestri di beni, i Casamonica spiccano per lussi e bella vita. Il maxisequestro del 2013 portò via alla famiglia 23 ville con piscina, Rolls-Royce, Ferrari e una pista da trotto. Coinvolgendo una trentina di pusher. Il nome dei Casamonica compare anche nell'inchiesta Mafia Capitale per il rapporto tra Massimo Carminati e Luciano Casamonica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali