FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Migranti, Vienna: "Dopo la rotta balcanica, si chiuda quella italiana"

Lʼappello del ministro degli Esteri Kurz "perché sia chiaro che il tempo del lasciapassare verso la Mitteleuropa è finito"

Migranti, Vienna: "Dopo la rotta balcanica, si chiuda quella italiana"

Il modello della chiusura della rotta balcanica va seguito anche su quella che potrebbe portare i profughi in Italia: a pensarla così è il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz."Il traffico di migranti non si ostacola facilmente - dice alla Bild am Sonntag -. Anche lungo la rotta Italia-Mediterraneo dovremo attuare le misure prese sulla via balcanica, perché sia chiaro che il tempo del lasciapassare verso la Mitteleuropa è finito".

L'appello all'Italia arriva dopo che l'Austria aveva fatto sapere di essere pronta a rafforzare i controlli su più confini se i migranti cercheranno altre strade per entrare in Europa centrale, come ha detto il ministro degli Interni Johanna Mikl-Leitner.

Sarebbe sbagliato, aveva spiegato, presumere che "l'immigrazione di massa" sia già finita per cui il Paese si sta preparando alla messa in sicurezza dei suoi confini su altri punti.

L'Austria ha appena introdotto un tetto giornaliero sugli ingressi, dando inizio a una catena di chiusure ai confini che ha praticamente interrotto la rotta balcanica usata da migliaia di profughi. Vienna ha inoltre costruito una barriera su una piccola linea di confine con la Slovenia, nei pressi di Spielfeld, per regolarizzare gli ingressi. Secondo Mikl-Leitner, oltre a Spielfeld, "ci si sta concentrando sui controlli ai confini in altre 12 località, con barriere, container e il dispiegamento di polizia e soldati".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali